Nuoto

​In California la nuova impresa di Daniel Douglas di Pierro

Il nuotatore biscegliese della Netium ha deciso di provare in agosto la traversata Catalina-Los Angeles di 36 km

Altri Sport
Bisceglie mercoledì 13 febbraio 2019
di Savio Magrone
Daniel Douglas di Pierro
Daniel Douglas di Pierro © Nc

Lo si può definire "l'uomo delle imprese impossibili". Daniel Douglas di Pierro, atleta biscegliese classe 1993 in forza alla Netium Giovinazzo, è pronto nuovamente per scrivere la storia.

Il 28 agosto 2019, infatti, il nuotatore ha deciso di provare la traversata in California dall'isola di Catalina con arrivo a Los Angeles, la quale dista ben 36 km. L'evento si svolgerà in notturna con partenza alle ore 23 (ora locale Usa) e durerà circa 10-12 ore di nuoto continuato. Negli ultimi 5 km si incontrerà un'acqua più fredda con temperature intorno ai 18° e non sarà consentito indossare mute, come previsto nel regolamento del Catalina Channel Swimming Federation. Inoltre, vi sarà il rischio di imbattersi in creature marine come meduse oceaniche, tartarughe giganti e squali.

Questa traversata fa parte degli "Ocean Seven", i sette stretti oceanici più ambiti da tutti i nuotatori del mondo ed inoltre essa rientra nella categoria "Triple crown", essendo una delle tre necessarie per ottenere l'ambitissimo titolo. Daniel Douglas si allena presso la Netium di Giovinazzo, sostenuto dal suo storico allenatore Lorenc Feleqi ed è seguito dal nutrizionista dott. Francesco d'Amore e dal preparatore atletico dott. Antonio Giunto.

«Si tratta del mio obiettivo stagionale – ha dichiarato il venticinquenne biscegliese – ed è una traversata che necessita di una lunga preparazione da avviare numerosi mesi prima. Nel frattempo, avrò altre gare più corte che fungeranno da tappe preparatorie per la traversata, come ad esempio lo sono stati i campionati italiani master l'anno scorso che erano funzionali alla traversata Bisceglie-Bari coast to coast. Sono molto motivato per raggiungere quest'obiettivo e sono consapevole che dovrò lavorare molto sulla tenuta mentale perchè nella nostra disciplina è molto importante la predisposizione psicologica».

Lascia il tuo commento
commenti