Verso le elezioni Regionali 2020

Il movimento politico biscegliese “Valori Attivi” ha ufficializzato il proprio sostegno a La Notte

Sarà al fianco del candidato al Consiglio Regionale con la lista Popolari con Emiliano

Politica
Bisceglie martedì 15 settembre 2020
di La Redazione
L'incontro con Francesco La Notte
L'incontro con Francesco La Notte © n.c.

Il movimento politico biscegliese “Valori Attivi” ha ufficializzato il proprio sostegno al dott. Francesco La Notte, candidato al Consiglio Regionale con la lista Popolari con Emiliano.

«La nostra coalizione - ha chiarito Franco Salerno, responsabile politico di Patti Chiari, coalizione di cui fa parte anche Valori Attivi - ha fortemente voluto un candidato biscegliese a queste regionali, e l’abbiamo trovato in Francesco La Notte, che non è un politico, ma un tecnico. Senza un candidato biscegliese non ci saremmo presentati, perché siamo stanchi dei candidati che ai biscegliesi hanno solo chiesto i voti e che ci hanno voltato le spalle nel momento del bisogno».

«Quando in italia si parlava di disoccupazione femminile, Bisceglie era in controtendenza: avevamo tantissime imprese tessili che davano lavoro a tante donne nella nostra città e che ormai sono chiuse e hanno portato la produzione altrove. Bisceglie aveva il turismo, l’agricoltura, la pesca,- ha continuato - i nostri giovani non hanno ereditato niente di tutto questo».

Il dott. La Notte ha scelto di parlare direttamente ai giovani: «Noi abbiamo il compito di decidere il destino del nostro territorio, perché questa è l’ultima occasione che abbiamo per farlo ripartire, ma non andare a votare significa delegare ad altri le decisioni sul nostro destino. Non possiamo lamentarci dopo se le decisioni prese dagli altri non ci stanno bene. È importante andare a votare».

«Perché un turista dovrebbe venire a Bisceglie piuttosto che andare altrove? - ha proseguito - La nostra città ha una bella costa, ma le mancano i servizi, le infrastrutture. Dobbiamo iniziare a pensarci e progettare il nostro futuro se vogliamo tornare ad essere una città turistica. Ed è normale che i nostri giovani andranno via prima o poi».

«Negli ultimi anni, lavorando in diversi enti locali, mi sono reso conto di quanto sia importante avere un rappresentante nel Consiglio Regionale perché è alla Regione che si decidono le politiche di sviluppo, i finanziamenti e tutti i progetti avanzati dalle singole città. Ma se noi deleghiamo a candidati di altri paesi di difendere gli interessi di Bisceglie, non possiamo aspettarci che lo faccia prima di pensare alla propria città. Quello che io vi chiedo è un voto utile, ma non per me, per il nostro territorio, altrimenti continueremo a piangerci addosso. Sono anni che deleghiamo il nostro futuro agli altri, adesso basta» ha concluso il candidato biscegliese.

Lascia il tuo commento
commenti