Il caso

​L'ira del Pd: «Fate un gesto di coraggio: andate a casa e ridiamo la parola ai cittadini​»

L'intervento dopo il Consiglio comunale di martedì

Politica
Bisceglie venerdì 10 luglio 2020
di La Redazione
Consiglio comunale nella palestra della Battisti-Ferraris
Consiglio comunale nella palestra della Battisti-Ferraris © BisceglieLive.it

«Martedi in Consiglio Comunale sembrava di assistere al teatro dell'assurdo. Il momento più alto è stato raggiunto con l'intervento del Presidente del Consiglio comunale che da una parte rimproverava l'amministrazione tacciandola di incapacità e dall'altra manteneva il numero legale con la sua presenza. A Palazzo di Città esiste ancora una maggioranza? Per l'ennesima volta sono stati ritirati i punti all'odg, chi pagherà i danni?».

E' quanto si chiede in una nota a firma della segreteria del Partito democratico di Bisceglie.

«La discesa in campo alle prossime regionali del vicesindaco - prosegue la nota - ha fugato nei componenti la pseudomaggioranza ogni dubbio sulla connotazione di destra di questa amministrazione?

Una cosa è certa: Bisceglie sta morendo per colpa di una classe politica incapace di amministrarla. Qualche esempio?

  • Il trasporto pubblico è inesistente;
  • La città è sporca;
  • I commercianti non hanno risposte;
  • Gli imprenditori sono in perenne attesa;
  • Mancano i servizi.
  • Bisceglie non merita tutto questo. Il PD di Bisceglie vi chiede un gesto di coraggio, una sola cosa: ANDATE A CASA e ridiamo la parola ai cittadini; gli stessi cittadini, da voi MAI ascoltati, che con il loro voto sapranno rimettere la città sulla DRITTA VIA».


    Lascia il tuo commento
    commenti
    I commenti degli utenti
    • Benedetto Bongiovanni ha scritto il 23 luglio 2020 alle 08:01 :

      Senti da quale pulpito viene la predica... forse sarebbe bene che suggerisse la stessa cosa al capo del suo partito al governo centrale, così potrebbero davvero ridare la parola agli italiani. Fermo restando che per quanto riguarda Bisceglie ha ragione... Rispondi a Benedetto Bongiovanni

    • Antonio zonno ha scritto il 10 luglio 2020 alle 11:05 :

      condivido le critiche espresse dal partito democratico, anzi ne aggiungerei altre. mi assale pero' il classico dubbio amletico. chi oggi rivolge le critiche"abbastanza obiettive", ha governato per moltissimo tempo questa citta' con tutte le sigle di partito e liste civiche possibili. ,Amici, compagni, compari, e soci, hanno contribuito alle attivita' politiche, amministrative, imprenditoriali, sociali e culturali dei più svariati generi e orientamenti. non mi pare che allora come ora, ci fosse una marcata differenza. Questa citta', da oltre cinquanta anni. vive una vita "politica" molto standardizzata. il potere in mano a poche famiglie i cui esponenti ben si mimetizzano dietro le prime linee di esposizione. poi i vari frontmen che si sono succeduti. che hanno lautamente capitalizzato . Rispondi a Antonio zonno

      Donato Lamuscatella ha scritto il 11 luglio 2020 alle 19:32 :

      Condivido pienamente ciò che lei ha scritto su questa amministrazione ed anche sul passato, aggiungo che molte volte in passato ho commentato alla stessa maniera ma questi signori se ne fregano, comunque se mai ci volesse questa è la dimostrazione che chi cerca di andare a palazzo san Domenico lo fa solo ed escusivamente per sistemare le sue cose e quelle della famiglia. Rispondi a Donato Lamuscatella