All’indomani dell’ultimo consiglio comunale non si placano le polemiche

Franco Napoletano- Il Faro: “La fretta fa i figli ciechi”

Duro attacco del consigliere comunale d’opposizione Franco Napoletano

Politica
Bisceglie mercoledì 26 febbraio 2020
di La Redazione
Il consigliere Franco Napoletano
Il consigliere Franco Napoletano © BisceglieLive.it

A 2 giorni dal concitato consiglio comunale che ha visto la sospensione dello stesso riceviamo e pubblichiamo una nota del consigliere comunale d’opposizione Francesco Napoletano.

Lo scrittore greco antico Esopo, celebre per le sue favole, nella morale di una di queste ci ammoniva che “il cane frettoloso partorisce cuccioli ciechi”.

Nel medesimo inconveniente, secondo un noto proverbio italiano, incorre “la gatta frettolosa”, ma il significato non cambia.

E’ un proverbio che rimprovera coloro che sono soliti svolgere le proprie incombenze in modo frettoloso, che, proprio a causa della fretta, finiscono per commettere degli errori gravi.

E’ il caso dell’Amministrazione Angarano, che, nella fretta di “rinnovare” il bilancio 2019-2021 ed i suoi allegati, che sono stati, com’è noto, bocciati dal Tar Puglia, ha finito per attestare, si presume in modo falso, come avvenuta, una pubblicazione di atti che non c’è mai stata.

Particolare di non poco conto, in quanto la mancata pubblicazione di un atto propedeutico al bilancio rinnovando, non solo inficia la regolarità di quell’atto, ma renderebbe illegittimo l’intero documento contabile (ancora una volta!), qualora fosse realmente approvato.

Inoltre, attestare come avvenuta la pubblicazione del Programma triennale dei Lavori Pubblici, al fine di pervenire alla presunta rinnovazione del bilancio 2019-2021, potrebbe realmente costituire un reato di falso.

Quindi, si concreterebbe non solo una illegittimità, ma, perfino, una illiceità, degne di un approfondimento del Tar, per un verso e della Procura della Repubblica, per l’altro.

Le opposizioni hanno evidenziato, nel Consiglio Comunale del 24/2 u.s., quello che appare come un vero e proprio falso e diffidato la maggioranza ad approvare atti che non potrebbero non essere sanzionati.

Sentendosi scoperti e non sapendo cosa rispondere, Sindaco e consiglieri di maggioranza si sono rifugiati, come d’abitudine,nel rinvio del Consiglio Comunale, con ciò concludendo laseduta con un nulla di fatto, senza approvare neppure un punto dell’ordine del giorno.

A questo punto, l’Amministrazione Angarano si trova davanti ad un bivio.

Da un lato, con un bagno di umiltà, potrebbe ritirare tutti i punti attinenti al bilancio 2019-2021 e rifare la procedura con i tempi previsti, su cui, comunque, permangono tutte le perplessità in ordine alla presunta “rinnovazione”.

Dall’altro, con la consueta arroganza, potrebbe approvare, in ogni caso, tutti quei punti, con la consapevolezza(dolo) di farlo nonostante quella percepita come falsa attestazione di pubblicazione mai avvenuta.

Con ciò, sottoponendosi non solo ad una nuova bocciatura, assai probabile, del bilancio da parte del Tar (anche in via cautelare), ma anche ad una sicura indagine della Magistratura penale, che i consiglieri di opposizione, loro malgrado, avrebbero l’obbligo, in quanto pubblici ufficiali, di attivare.

Analoga riflessione si potrebbe fare in merito al Regolamento della Tari (altro atto propedeutico al bilancio), che ha visto l’inoltro di cartelle di pagamento, proprio in questi giorni, sulla base di un Regolamento Tari 2019 annullato dal Tar Puglia, con l’aggiunta di un doveroso interessamento anche della Corte dei Conti.

Le opposizioni, d’altronde mai chiamate ad un confronto e ad un dialogo su tutti i principali temi della vita cittadina, si trovano, così, di fronte ad un’Amministrazione che fornisce continuamente prove di superficialità e di dilettantismo, con grave danno per la Città e per la sua economia e che, tuttavia, gioca, con presunzione, ad erigere muri ed a cimentarsi in prove di forza di dubbia utilità.

La cosa più sensata, preso atto che “la fretta fa i bilanci ciechi”, sarebbe quella di restituire ilmandato agli elettori e di impedire che il pressapochismo degli attuali amministratori possa infiniti danni addurre ai cittadini, ancora maggiori rispetto a quelli che già si registrano.

Ma l’Amministrazione Angarano avrà la dignità di comprendere che la cosiddetta “svolta” si è rivelata un totale fallimento e che bisognerebbe urgentemente trarne le conseguenze?

Essere o non essere capaci:questo è il dilemma.

Lascia il tuo commento
commenti