La nota del consigliere regionale capogruppo PD Filippo Caracciolo

Visite straordinarie a pazienti Covid in terapia intensiva, Consiglio regionale approva

Caracciolo: "Atto di civiltà e vicinanza alle famiglie"

Politica
Bisceglie mercoledì 05 maggio 2021
di La Redazione
Rianimazione e Terapia Intensiva
Rianimazione e Terapia Intensiva © @web
"Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge che permetterà le visite straordinarie a pazienti covid in terapia intensiva. Si tratta di un atto di civiltà e di vicinanza alle famiglie". Ad annunciarlo è il consigliere regionale e capogruppo PD Filippo Caracciolo, firmatario della proposta di legge.
 
"La proposta di legge da me sottoscritta - afferma Caracciolo - nasce nell'ottica del recepimento delle numerose richieste pervenute da familiari dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, costretti a fare i conti, oltre che con la grave malattia di un congiunto, anche con l'impossibilità di vederlo. Grazie ad un protocollo che stabilirà le linee guida aziendali per consentire questa tipologia di accessi, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza Covid, le ASL potranno soddisfare queste richieste ed agire nel solco dell'umanizzazione".
 
"Alle aziende sanitarie locali  - prosegue il presidente del gruppo PD - verrà chiesto di adottare con urgenza il Documento di umanità e sicurezza di stabilimento, per consentire visite su appuntamento in ospedale a pazienti in fase di criticità clinica, da Covid-19, in considerazione del bisogno oggettivo particolare e delle straordinarie necessità di natura psicologica. Un percorso di legge ragionato che contempera misure igienico-sanitarie con un'esigenza familiare sacrosanta, che ha effetti positivi sul decorso della malattia, mettendo in primo piano l'esclusivo interesse del paziente nel rispetto del lavoro prezioso dei sanitari, medici, infermieri, operatori socio-sanitari e volontari che hanno in carico e assistono i pazienti".
 
"Ringrazio - conclude Caracciolo - i colleghi del gruppo PD e tutti coloro i quali hanno lavorato per elaborare questa proposta di legge. Siamo consapevoli che questa apertura andrà a comportare uno sforzo maggiore per le ASL, ma allo stesso tempo siamo convinti che sia necessario il massimo impegno per soddisfare le richieste delle famiglie".
Lascia il tuo commento
commenti