Il caso

«Angarano incompatibile con la guida della città», l'ira del Movimento 5 Stelle

La denuncia del Consigliere comunale Enzo Amendolagine

Politica
Bisceglie giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Enzo Amendolagine
Enzo Amendolagine © BisceglieLive.it

«Ennesima retromarcia del sindaco Angarano. Nel giro di una ventina di giorni l'Amministrazione rinnega se stessa almeno tre volte, senza attendere che canti il gallo».

E' quanto si legge nella nota diffusa dal Consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Enzo Amendolagine.

«Prima - prosegue - il ritiro del punto sul debito fuori bilancio per il riconoscimento di centinaia di migliaia di euro all'ex gestore del servizio dell'igiene urbana nell'ultimo consiglio comunale, dove, candidamente, il dirigente, che ha partecipato al tavolo tecnico con il consorzio Ambiente 2.0 per concludere la transazione, dichiara che non avrebbe la competenza d'ambito per gestire il settore affidatogli.

A fine anno 2020 la giunta Angarano si dichiara in potenziale, presunto, reale conflitto di interessi in materia urbanistica, rimettendo all'Ufficio Tecnico i documenti per predisporre la proposta di adozione del piano urbanistico generale. Una mossa che ha il sapore del "rallentamento tattico" dell'approvazione del PUG, per continuare ad utilizzare il vecchio strumento urbanistico non conforme alla normativa paesaggistica. In sintesi: se si approvasse il PUG non si potrebbe concedere permesso a costruire per la maglia 165, ad esempio». 

Poi si fa riferimento al recente caso delle dimissioni di un membro dello staff del Sindaco.

«E intanto - conclude - la città langue, l'insoddisfazione dei cittadini cresce e il sindaco Angarano dimostra con i fatti la propria incompatibilità politica e amministrativa con la guida della Città».

Lascia il tuo commento
commenti