Le novità

Nicola Ambrosino, un poeta al servizio della cultura

Le attività artistiche del cultore della lingua dialettale

Cultura
Bisceglie giovedì 26 settembre 2019
di Francesco Sinigaglia
Nicola Ambrosino
Nicola Ambrosino © n.c.

Le attività artistiche di un poeta e di un appassionato cultore dialettale quale il biscegliese Nicola Ambrosino hanno trovato dimora presso il Dolmen della Chianca, nella mattinata di sabato 21 settembre 2019, nell’ambito delle “Giornate Europee del Consiglio d’Europa”, organizzate dal locale Club per l’Unesco, presieduto dal Presidente Pina Catino. In tale sito di pregevole valore preistorico e culturale, il poeta, con il suo scritto Il Dolmènne…messaggère de Pòce, ha spiegato al numeroso pubblico presente, tra cui tanti bambini di scuola primario, la storia, il valore e il messaggio di pace che le antiche pietre megalitiche racchiudono in sé. Ambrosino, in più, ha espresso la sua sensibile vena artistica con la lirica Parlami o Musa… di pietre silenti.

PARLAMI O MUSA DI PIETRE SILENTI

Parlami o Musa...di pietre silenti,

di terre assolate, di popoli e genti;

di tempi lontani, che il tempo fugace,

lascia al futuro...in tempi di pace.

Ascolto il silenzio che tu mi sai dare,

di sassi e di piante, che san raccontare...

e vergo su carta, in quiete profonda,

il tuo sussurrar come vento sull'onda.

Cantami o Musa... di musica muta,

che il fruscio delle fronde in suoni tramuta;

in albe rugiose, in corallini tramonti,

cantami o Musa...i miei sensi son pronti.

Solo a un poeta il tuo canto è dettato;

da un'anima pronta ed un cuore allenato...

a carpire e trasporre su carta la brezza...

d'una notte di luna e cotanta bellezza.

E quando, nel Cielo, brillanti le stelle...

danno commiato al mattino, pur quelle,

come puntini del tuo breve dettato...

rimangono in me...quale sogno destato

Nicola Ambrosino, inoltre, nella serata di sabato 21 settembre, ha dato ancora prova del suo eclettico talento di attore e poeta, presso la sala ricevimenti Hotel Salsello, dove, in occasione del 60° anniversario dalla fondazione della locale sez. Avis “Dr. F. Di Liddo” e invitato dal Presidente Avis dott. Tommaso Fontana, ha deliziato gli astanti con la declamazione della poesia dialettale Donatóre de Sènghe, dedicata al tipico comportamento del donatore.

DONATÓRE DE SÈNGHE

Chèra maténe dó léitte me scettìbbe,

convìnde, passe passe, me ne scìbbe...

a prim'óre, lendamìnde, chiènga chiènghe,

all'Avis, tutte convìnde...a donèie u sènghe!

Arrevòte, tutte sedòte, mmìzze alla chiazze,

cèrtamìnde ère giò fùrte...la scacazze,

pecchè stòve a penzòie, ovère e dàie:

"E ce pó me ne lìvene prùpie assàie?".

Giò, la saira préme, avè mangiòte pìcche,

carne, prevelóne e mortadìlle cu treticchie;

da méire nìrghe, tre becchéire acchembagnéite,

ggìuste pe achìude bbóne la scernéite!

Re méire m'avè, giò, assìute 'mbacce;

tòtta coloròte... stòve chèssa facce;

ma cóme vedibbe u òche e duppe u sènghe...

da coloròte...addevenddìbbe...biènghe!

Sàupe a la boltróne, tra sacche, òche e fìure...

me decé u dottóre: "Ma nan pegghiò paghìure!

U sènghe chè te tréime nan'à cèrte na casce!".

A chèsse tal paróle...u córe me scé abbasce!

Dùppe avè donéide, améce, in veritò,

ggìuste, dò, ìnde all'Avis, me dìttere a mangiò:

"Quatte cappuccéne 'nzéime a ne cornìtte...

de frutte, pó, ne sucche...pe d'apparò u defìtte!

Ié, tutte chendìnde, dùppe fatte colazióne...

penzìbbe: "Cóm'è bbèlle a fò na Donazióne!",

nan séinde prùpie néinde, ma tu sì schetòte...

che u sènghe regalòte...ià pe ne malòte!

Da 60 ènne angòre a Vescègghie stònne...

fèmmene, stedéinde e pìure qualche nònne...

che vònne la demèneche ed ògne Sanda Dé...

a dò u prùpie sènghe...pe ce stà a seffré!

Nuovi progetti artistici, con la ripresa della stagione invernale, attendono l’attore e poeta Ambrosino. Scritturato per il terzo anno consecutivo dalla Compagnia Dialettale Biscegliese, a fine novembre e primi di dicembre calcherà le scene del Teatro Politeama nella nuova esilarante commedia dialettale con un nuovo comicissimo personaggio.

Terrà, inoltre, con la Compagnia Aurea dei “Laboratori di Dialetto” per adulti e bambini, per tramandare alle nuove future generazioni e a tutti gli appassionati della “Lingua del Cuore” la peculiare identità dei biscegliesi e tutta la cultura in essa racchiusa.

Lascia il tuo commento
commenti