Poesia

​Líuce arreccuòte da la nègghie…​, l'omaggio di Demetrio Rigante alle vittime della Shoah

In occasione della Giornata della Memoria

Cultura
Bisceglie sabato 26 gennaio 2019
di Francesco Sinigaglia
Demetrio Rigante
Demetrio Rigante © BisceglieLive.it

Il poeta biscegliese Demetrio Rigante, già ampiamente riconosciuto a livello nazionale, compone un nuovo scritto vernacolare, in occasione della Giornata della Memoria, dal titolo Líuce arreccuòte da la nègghie… ispirato da tela ad olio personale per omaggiare le vittime dell’Olocausto.

Líuce arreccuòte da la nègghie…

27 gennaio 1945 - Quando fu liberato il campo di concentramento di Auschwitz…

Cóme iarue secolòre

chiecòte dó véinde…,

óumene

chè assemegghiàvene a ióumene

s’abbandenavene

saup’a l’èrve de le ghéitte…

E le chèmbe atternesciòte da féle spenáte

che péizze de re véiste

de ci velaie sfescé a la mórte…

Ind’a la fatéghe d’arreccuòie u mále

e faue scherdòie…,

la nègghie allendanáve

la líuce de la déie…

Sólche de facce mbetréte,

segnáte dalla chióve

e tinde dó sènghe…,

cóme daffóre

le chelíure de premavère.

E quande paggene de Stórie

scritte pe re memóurie

gavetòte da la mórte

e quanda veretòie

angóre mbregghiòte...

Ind’a chèra oscuretòie

cambò

ière déie pe déie,

cóme píure mbréie…

Luce occultata dalla nebbia... Come alberi secolari / curvati dal vento…, / sembianze umane / si abbandonavano / sul giaciglio erboso dei ghetti… // E i campi attorniati dal filo spinato / con brandelli delle vesti / di chi voleva sfuggire alla morte… // Nella fatica di occultare il male / e spingerlo nell’oblio…, / la nebbia allontanava la luce del dì… // Solchi di visi impietriti / e segnati dalla pioggia / tinta dal sangue…, / come fuori / i colori di primavera. // E quante pagine di Storia / scritte per le memorie / risparmiate dalla morte / e quante verità / ancora distorte… // In quella oscurità / vivere / era giorno dopo giorno, / come pure morire…

Lascia il tuo commento
commenti