I premiati

Premio Giornalistico "I Fatti, le Idee, le Opinioni – Michele Palumbo": i vincitori

Primo posto a Padre Francesco Mazzotta, secondo posto a Renato Brucoli e terzo posto a Marilena Pastore. Premiati anche Gabriele Losappio per il Liceo C. Troya e Adriana Ciliberti e Marika Petruzzelli per il Liceo Nuzzi

Cultura
Bisceglie sabato 11 dicembre 2021
di La Redazione
Premio Giornalistico
Premio Giornalistico "I Fatti, le Idee, le Opinioni – Michele Palumbo": i vincitori © AndriaLive

Con la cerimonia  di conferimento dei premi - svoltasi presso l'auditorium della Biblioteca Comunale di Andria, davanti ad una platea attenta e numerosa - va' in cantiere la seconda edizione del Premio Giornalistico "I Fatti, le Idee, le Opinioni – Michele Palumbo”, intitolato al compianto giornalista andriese, corrispondente e opinionista per quasi 30 anni de "La Gazzetta del Mezzogiorno”, venuto a mancare il 4 marzo del 2017.

All'esito dei lavori della Giuria, presieduta dal presidente dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia, Piero Ricci, sono risultati vincitori: al primo posto (premio di mille euro), P. Francesco Mazzotta, con un editoriale pubblicato su Bisceglie Live dal titolo “Pandemia e infodemia, come sta cambiando il mondo dell’informazione” ; al secondo posto  (premio di 600 euro), Renato Brucoli, con un articolo pubblicato su Odysseo.it “Storia di antonio e di covid a lieto fine”;  al terzo posto (premio di 400 euro) Marilena Pastore, con un pezzo pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno, “Coronavirus. Le parole importanti che ci insegna questa emergenza: e .  Nel corso della serata sono stati  consegnati gli attestati di partecipazione a tutti i 24 giornalisti in concorso.  Assegnati anche i premi agli studenti. Per il Liceo Classico "Carlo Troya",  riconoscimento speciale del Circolo  e premio di 250 euro a Gabriele Losappio che ha prodotto autonomamente (quale collaboratore di AndriaLive ) l'elaborato "La società del compromesso"; per il Liceo Scientifico "Riccardo Nuzzi" invece, attestato di partecipazione e premio di 250 euro ad Adriana Ciliberti e Marika Petruzzelli per l'elaborato "L’illuminismo e l'uscita dell'uomo dallo stato di minorità”.

Docente di Filosofia e Storia al Liceo Classico "C. Troya) e al Liceo Scientifico "R. Nuzzi" di Andria, Palumbo ha pubblicato numerosi saggi filosofici e storici. ed è stato coordinatore della Scuola di Filosofia (IISSF Napoli). Notevole la sua attività convegnistica su temi di cultura, arte, storia, filosofia e costume. All'esordio, collaboratore delle prime radio libere locali e della testata giornalistica "Puglia", fondò nella sua città, Andria, le testate periodiche "Andria - Giornale cittadino" e "Andria - i fatti, le idee, le opinioni".    

Il Concorso, organizzato dal Circolo della Stampa Bat "San Francesco di Sales", in collaborazione con il Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia e l'Associazione della Stampa di Puglia, si è avvalso dell'Alto Patrocinio e del sostegno del Consiglio Regionale della Puglia e del Comune di Andria, oltre che del contributo della Banca di Andria di Credito Cooperativo e delle Strade dell'Olio e del Vino Castel del Monte.

Alla cerimonia di premiazione ha presenziato, in video conferenza, la presidente del Consiglio Regionale Pugliese, Loredana Capone, che ha rimarcato come “... la circostanza di un Premio dedicato ad un valente giornalista scomparso, deve essere l'occasione per una sempre più profonda riflessione sui temi vitali del pluralismo informativo e della libertà di Stampa. All'evento sono altresì intervenuti la consigliera regionale Debora Ciliento; il sindaco di Andria, Giovanna Bruno; l'assessore comunale alla Bellezza, Daniela di Bari; Il presidente dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia, Piero Ricci; il presidente ed il segretario generale del Circolo della Stampa Bat, Franco di Chio e Vincenzo Rutigliano; la dirigente del Liceo Scientifico Nuzzi di Andria, Nicoletta Ruggiero; Pippo (in videoconferenza) e Vincenzo Palumbo, in rappresentanza della Famiglia del compianto Michele. Ha condotto la cerimonia di premiazione la giornalista Damiana Dorotea Sgaramella.

 

Lascia il tuo commento
commenti