L'iniziativa

​"Il coraggio di essere Felice", i racconti dei pazienti della Divina Provvidenza

Il lavoro di Eleonora Celestino, psicologa di Universo Salute

Cultura
Bisceglie venerdì 27 agosto 2021
di Pinuccio Rana
Il coraggio di essere Felice
Il coraggio di essere Felice © BisceglieLive.it

Mercoledì 25 agosto, si è svolta in un salone di Universo Salute - Opera Don Uva (già Casa Divina Provvidenza), la presentazione del libro “Il Coraggio di essere Felice”, un viaggio tra i racconti e le testimonianze dei pazienti della Casa Divina Provvidenza, oggi Universo Salute, adattati su carta dalla Psicologa Eleonora Celestino e organizzato dal Circolo dei Lettori.

IL CORAGGIO DI ESSERE FELICE è un'opera ispirata alla storia di Persone vissute per tutto il tempo della loro vita all'interno delle mura di un Ospedale Psichiatrico, è il racconto di un'anima.

L’autrice, Eleonora Celestino, ha immaginato di presentare la sua scrittura attraverso uno spettacolo in cui le diverse forme artistiche si mettono a parlare tra loro nell’intento di farci andare “Oltre un muro”, quello di un Ospedale psichiatrico e Istituto Ortofrenico. Durante il tirocinio alla professione di Psicologo, l’autrice ebbe modo di conoscere il prezioso mondo che abitava al di là del confine della ex “Casa Divina Provvidenza” nella città di Bisceglie, che oggi prende il nome di Universo Salute. Tra le pieghe dei ricordi che i pazienti mettevano nelle sue mani, lei avvertiva che quella vita, nascosta agli occhi della gente di fuori, smaniava per scavalcare il muro ed essere vista. Emerse allora nella scrittrice il desiderio di ricucire i frammenti delle memorie di coloro che, capaci di intendere e volere, le fecero dono del loro tempo e dei ricordi, al fine di tessere una trama da cui sgorgava un materiale umano di immenso valore. Il filo rosso della narrazione parte dalla vita di un paziente dell’ospedale psichiatrico, Felice Mangiarano, nativo di Monopoli e lasciato nella Casa Divina Provvidenza dal padre, perché invalido.

Oltre a Mangiarano, il libro descrive le storie di altri pazienti ed è, essenzialmente, il racconto di un luogo, l’ Opera Don Uva, già Casa della Divina Provvidenza, senza pregiudizi. Partendo dalla sua esperienza di psicologa all'interno di Ospedale Psichiatrico e Istituto Ortofrenico, Eleonora Celestino condivide con noi gli aspetti più fragili dell’essere umano con attenzione e delicatezza. E’ stata una serata densa di emozioni nel corso della quale si sono esibiti Ernesto Valenzano e Betty Papagni della “Rudra” Accademia di Danza Musica e Teatro, Martina Valente e Alessandra Sangilli di Ginnastica Ritmica Iris, Antonella Gagliardi e Tina Salomone di Pole Dance Bisceglie Doxa, Francesco Di Benedetto al pianoforte,  il tutto accompagnato dalle voci degli interpreti: Enza Patroni, Maristella Lupone, Girolamo Pedone, Francesco Brescia, Tonio Rossi, Giorgia Lacavalla, Iris Tamborero, Emma Di Liddo. Alla serata erano presenti il sindaco Angelantonio Angarano e l’ass. alle attività produttive Maria Lorusso.

 

Lascia il tuo commento
commenti