La novità

L’architetto Claudia Storelli presenta gli “impossible dialogues”

Biscegliese, professionalmente a Rotterdam, presenta sul web il progetto artistico

Cultura
Bisceglie lunedì 03 maggio 2021
di Francesco Sinigaglia
L’architetto Claudia Storelli presenta gli “impossible dialogues”
L’architetto Claudia Storelli presenta gli “impossible dialogues” © n.c.

Claudia Storelli, classe ’94, architetto biscegliese, professionalmente a Rotterdam, presenta sul web il progetto artistico Impossible dialogues. L’idea, nata sui social per divulgare una nuova forma di assemblaggio di opere d’arte figurativa, scardina le vecchie barriere temporali che differenziano artisti, movimenti e contesti: attraverso una metodologia innovativa che guarda al digitale come strumento di promozione culturale, Claudia Storelli pensa a dialoghi impossibili in grado di costruire ponti tra quadri e dipinti solo apparentemente distanti tra loro. Il tema, infatti, è quello di abbattere barriere, infrangere cortine e connettere stati dell’anima: la cura dei nostri giorni. Il nome del progetto offre inusitate prospettive di ragionamento intorno all’arte del passato che torna in una veste inedita a dialogare con il mondo contemporaneo. Gli Impossible dialogues, per questo, consentono all’architetto Storelli di contribuire ad accrescere la fucina di talenti in ogni settore professionale e artistico della comunità biscegliese nel mondo.

L’ultimo lavoro della collezione è stato diffuso venerdì 30 aprile 2021 da una domanda che la creativa ha rivolto alla spiritualità, combinando Amedeo Modigliani (Portrait of Lunia Czechowska, 1919) e Gerard David (Virgin crowned by two angels, 1520). Rinascimento e Novecento subiscono un cortocircuito e finiscono per abbracciarsi perfettamente in un armonico gioco immaginifico. I motivi trattati da Claudia Storelli passano per l’amicizia (Giorgio de Chirico e Pablo Picasso), per la felicità (Piero della Francesco e Henri Rousseau) e per la vita nel suo senso più ampio e profondo. In generale si tratta di lucide riflessioni che analizzano l’esistenza nell’ultracontemporaneo.

Per citare solo alcuni traguardi già raggiunti nella formazione di Claudia Storelli si menzionano: lo studio legato al progetto Riformare Milano workshop and exhibition (progetto di riqualificazione, Milano 2014), la laurea in architettura conseguita presso il Politecnico di Milano (2019); la partecipazione alla Summer School Warsaw Design (Transforming Palac Kultury, Università di Varsavia, 2018), oltre a pubblicazioni in riviste di pregio.

Per visitare la pagina: https://www.instagram.com/impossibledialogues/

Lascia il tuo commento
commenti