Il caso

«​Non solo i ciottoli, a Bisceglie che fine hanno fatto i soldi dell'emergenza covid?»

L'interrogativo del Consigliere comunale di opposizione Francesco Spina

Cronaca
Bisceglie lunedì 23 novembre 2020
di La Redazione
Palazzo di Città
Palazzo di Città © n.c.

«Mentre in altri Comuni pugliesi vengono stanziate somme e misure a favore di famiglie indigenti e commercianti (Christmas Card per regali ai bambini di famiglie indigenti, social card ecc.), a Bisceglie non si dà conto delle somme raccolte grazie alla generosità dei privati. Dopo i ciottoli, sono spariti anche i soldi del conto IT07F0T6O1049391124, intestato a Comune Bisceglie Emergenza covid 19?”.

E' quanto si chiede il Consigliere comunale di opposizione Francesco Spina.

«"Non ci sono soldi per famiglie indigenti ed esercenti", ribadiscono Angarano & C. ogni giorno. Intanto - prosegue Spina - esiste un conto ufficiale intestato a “comune di Bisceglie- emergenza Covid 19 “ su cui parecchi imprenditori biscegliesi, generosamente, anziché chiedere sostegno all’inerte e “tirchia” Amministrazione Comunale Angarano, hanno preferito mettere mano alle loro risorse per aiutare chi ha bisogno di una mano in questo momento drammatico.

Un’iniziativa promossa con selfie dallo stesso Angarano, ma di cui non si parla più come delle risorse bonus libri, fitti casa, green card ecc. Fortunatamente, l’unica cosa che forse mi viene riconosciuta all’unanimità è di avere in campo politico-amministrativo un’ottima memoria. Oggi presenterò una interpellanza allo stesso Angarano per chiedere conto delle somme versate da privati cittadini al Comune su tale conto corrente e delle persone che hanno utilizzato e incassato tali somme. Trasparenza zero, legalità zero sono locuzioni non più utilizzabili nella nostra comunità. Questa “Svolta“, questa deriva, sta segnando profondamente non solo l'economia cittadina, ma soprattutto l'anima culturale e solidale di Bisceglie».

Lascia il tuo commento
commenti