La cerimonia

​Don Paolo Bassi celebra il suo 25esimo anniversario di ordinazione sacerdotale​

Nella Parrocchia S. Adoeno, alle ore 19, durante una celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo

Cronaca
Bisceglie mercoledì 16 settembre 2020
di Francesco Sinigaglia
​Don Paolo Bassi
​Don Paolo Bassi © n.c.

Mercoledì 16 settembre 2020, a Bisceglie, nella Parrocchia S. Adoeno, alle ore 19.00, durante una celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo, Don Paolo Bassi renderà il proprio grazie al Signore in occasione del suo 25^ anniversario di ordinazione sacerdotale.

«A distanza di 25 anni - ha dichiarato Don Paolo Bassi al mensile diocesano In Comunione - desidero sottolineare l’elemento costante, che in me non è venuto mai meno, dell’identità del sacerdote: l’uomo chiamato da Dio per fare incontrare i fratelli con la misericordia e la tenerezza di Gesù tramite le sue qualità umane e attraverso le sue ferite comuni a tutti gli uomini. Altro strumento nella mani del sacerdote è la Parola di Dio di cui il sacerdote si nutre per nutrire i fratelli. I padri della Chiesa hanno sempre visto nella Sacra Scrittura un pascolo del quali nutrirsi e con cui pascolare il gregge con l’immagine suggestiva dei monti della scrittura.
In questi anni poi mi sono sempre più convinto che la più alta azione sociale che un presbitero possa fare è quella di curare l’anima propria e dei fratelli e di formare la coscienza in un continuo discernimento per il progresso spirituale e, di conseguenza, umano dei fratelli. E’ un compito che non si può delegare ad altri pena il fallimento del ministero presbiterale e l’incapacità ad essere fermento nella massa e a rendere la comunità capace di annuncio della buona notizia. Significativo l’episodio evangelico della samaritana che incontra Gesù, che l’ha resa consapevole di un bisogno presente nel suo cuore, più necessario dell’acqua materiale. Ovvero del bisogno di Lui, di Gesù, dopo di che la donna stessa diventa annunciatrice ai fratelli della gioia dell’incontro con il Signore. Il presbitero è chiamato a destare il bisogno del Risorto nella su comunità. Che Dio ci aiuti a destare in noi e nei fratelli la vita Gesù, vita che è alla base del rinnovato annuncio del Vangelo e roccia per edificare con Gesù la Chiesa, dal sapore dell’unità e della famiglia».

Don Paolo è nato a Bisceglie il 6 gennaio 1965 ed è stato ordinato presbitero il 16 settembre 1995. E’ parroco di S. Adoeno in Bisceglie.

Lascia il tuo commento
commenti