Il caso

Pro Natura: «Non c’è ambientalismo in una scelta edilizia, che i responsabili si dimettano»

L’appello ai cittadini: fermiamo insieme la cementificazione

Cronaca
Bisceglie giovedì 06 agosto 2020
di La Redazione
Il piano di lottizzazione della maglia n. 165
Il piano di lottizzazione della maglia n. 165 © Pro Natura

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma di Mauro Sasso, presidente dell'associazione Pro Natura Bisceglie / Trani - Gruppo R.A.P.. Nella nota l'associazione prende le distanze dalle scelte di edilizia del Comune ed evidenzia l'abisso esistente tra l'ambientalismo e le politiche ambientali a Bisceglie, sia nei metodi sia nelle idee. Ecco il testo integrale della nota:

«La storia dell’approvazione della lottizzazione della maglia 165 (zona ex Bi-Marmi, costa di Levante) con delibera di Giunta n. 157 del 22 luglio 2020 non ci ha sorpreso e parte da lontano. Ma noi ci limiteremo a commentare la vicenda a partiredall’insediamento del Sindaco Angarano. A dispetto dei proclami, la nuova giunta decide da subito che la questione ambientale non rientra tra lepriorità; ne è prova l'assenza di un Assessore all'Ambiente (presente invece in tutte le città limitrofe e della BAT), a cui si decide di sopperire tramite la nomina di un consigliere Delegato all’Ambiente (con funzioni limitate all’analisi e allo studio dell’ambiente), nella duplice veste di Presidente della III Commissione Consiliare sull’Urbanistica. Una contraddizione emersa con l'ultimo atto della lottizzazione della zona Bi Marmi.

Si è passati, nel giro di pochi anni, dalla promozione di un'ipotetica Area Marina Protetta, a una lottizzazione sul mare che comprometterà per sempre l'ultimo lembo di costa libera in zona urbana.

La questione va al di làdella cementificazione della maglia 165. Il rischio concreto è quellodi compromettere anche la vocazione naturalistico-ricreativa, nell'ottica dell'istituzione della futura Area Marina Protetta e della riqualificazione a verde pubblico della Zona Pantano-Ripalta, eventualità questa che si allontana vista la decisione scellerata di questa amministrazione.

Cosa si dice

Il dibattito pubblico si sta limitando alla visione urbanistica della maglia 165. Sino ad oggi non abbiamo letto un solo intervento sugli aspetti ambientali. Il Sindaco e il Presidente della Commissione Urbanistica hanno asserito in consiglio comunale che c’è stata una scelta, profondamente meditata e ragionata, assumendosene tutta la responsabilità.

Ma si poteva compiere una scelta diversa? Si potevano considerare validi i vincoli previsti dal vigente Piano Paesistico Regionale, dai Decreti Galassini e dalla Legge Galasso? Oppure, adottare da subito le previsione del futuro Piano Urbanistico Generale (P.U.G.) al posto di quelle presenti nell'attuale Piano Regolatore, documento vecchio di cinquant'anni?

Sappiamo tutti che il nuovo P.U.G. non prevede la cementificazione della costa di Levante bensì un Parco comunale, in linea con le disposizioni dell’ultimo Piano Paesaggistico Regionale. Una contraddizione in cui l´amministrazione Ángarano con le sue decisioni smentisce ... se stessa, facendo tramontare per sempre l´idea di uno “Sviluppo duraturo e Sostenibile” della zona.

La delibera di Giunta

Esiste una differenza tra le politiche ambientali della giunta Angarano e il mondo ambientalista? Intanto precisiamo che ci dissociamo totalmente dell'ambientalismo autoreferenziale del Sindaco, non condividendo le scelte dichiarate in Consiglio comunale, in contrasto con una sana cultura ambientalista, basata su principi scientifici e di buon senso. incalzato dalle opposizioni egli ha ammesso: "Si è vero: si poteva approvare o non approvare, ma con una motivazione molto forte, perché questa richiesta arriva purtroppo da nove anni di iter procedurale. Non abbiamo ritenuto di non approvarla in quanto, al di là degli interessi legittimi dei lottizzanti, in questo momento la preminenza di dare un segnale al settore dell'edilizia ci ha spinto ad andare avanti su quella linea".

Questa cultura non ci appartiene perché in totale contrasto con le nostre proposte progettuali, rese pubbliche nel 2018 con il convegno "Dalla Murgia a Ripalta, una connessione eco-logica"; ed è in completo contrasto con la nostra richiesta, messa nero su bianco, di non cementificare un'area sulla cui migliore destinazione sarebbe opportuno discutere pubblicamente coinvolgendo tutta la cittadinanza, cosa che questa amministrazione non ha mai fatto.

A pag. 6 della Delibera viene citata la nostra istanza, presentata in data 6 giugno 2019, che chiedeva di verificare se nel procedimento fossero stati rispettati i vincoli esistenti e segnalava il rischio ripercussioni negative sull’ecosistema della zona Pantano Ripalta. Alle nostre osservazioni non c’è stato alcun riscontro, né ci risulta che alcuna di esse siano state recepite. Inoltre non c’è traccia nella stessa Delibera della nostra seconda istanza, che confermando tutte le osservazioni della prima, suggeriva di modificare il progetto dei lottizzanti.

Una gran confusione

L’ecosistema è un’interazione complessa tra esseri viventi e territorio e non può essere confinato da una linea tracciata su un progetto. E del tutto evidente che esiste una continuità ecologica tra la Zona Pantano Ripalta e la Bi Marmi, che è caratterizzata da scenari campestri e da pochi e rari corpi di fabbrica dismessi. Posso pochi lembi di territorio cosiddetto “costruito” essere la giustificazione ad una totale urbanizzazione di prati, tulli e muretti a secco? A nostro avviso sarebbe stato più saggio riconvertire la zona a verde pubblico al servizio della comunità, in una logica di “Sviluppo durevole e sostenibile” sancito dalla Carta europea di Aalborg (1994), che è del tutto diverso dal concetto di cementificazione e dal concetto di “qualità dell’abitare”. Di questo non troviamo traccia nella politica “ambientalista” della Giunta Angarano: può il vessillo della Spiga Verde coprire tutte le criticità che abbiamo evidenziato?

Ancor più sconfortante è la situazione dell’organizzazione comunale nel settore ambiente, che ha perso il suo Dirigente, emigrato verso altri lidi; una situazione che rende obiettivamente difficiledialogare di di tutti i temi ecologici della nostra associazione.

Ambiente e politica

Che cosa avremmo potuto aspettarci da chi non ha mai risposto al nostro Presidente nazionale, il prof. Mauro Furlani, che un anno fa con una lettera chiedeva quali fossero le loro intenzioni future sulla Zona Pantano-Ripalta? E quando leggiamo sui social che loro prestano “la massima attenzione” alla Zona Pantano-Ripalta, temiamo che questa “attenzione” possa essere la stessa riservata alla limitrofa Bi Marmi.

Chi oggi guida la città ha soffocato in noi ogni speranza di cambiamento in quanto ha accettato di dar seguito a vecchi schemi previsti da un PRG vetusto che in tutta la città ha consentito di costruire là dove c’era un suolo edificabile: ne prenda atto e si assuma appieno tutte le responsabilità, traendone tutte le dovute conseguenze».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marcello frisari. ha scritto il 06 agosto 2020 alle 21:45 :

    Cosa possiamo fare per contrastare questo schifo? Rispondi a Marcello frisari.

  • Maurizio Cosmai ha scritto il 06 agosto 2020 alle 06:08 :

    Non si può che condividere. Una vergogna di cementificazione che pagheremo negli anni. Rispondi a Maurizio Cosmai