Il fatto

​Brutale pestaggio del minorenne tranese, arrestati anche sei minorenni biscegliesi

Vanno ad aggiungersi agli altri 7 maggiorenni già arrestati lo scorso 29 giugno

Cronaca
Bisceglie mercoledì 05 agosto 2020
di La Redazione
La caserma dei carabinieri di Bisceglie
La caserma dei carabinieri di Bisceglie © n.c.

Questa mattina i Carabinieri della Tenenza di Bisceglie, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i minorenni di Bari, hanno arrestato sei giovanissimi biscegliesi, poiché responsabili del brutale pestaggio di un sedicenne tranese, avvenuto a Bisceglie la sera del 2 giugno 2020, nella centralissima piazza Vittorio Emanuele, in correità con altri sette persone maggiorenni già tratti in arresto lo scorso 29 giugno, su disposizione del Gip del Tribunale di Trani, mentre un altro minore non è stato raggiunto da alcun provvedimento poiché in età non imputabile.

Sono stati quindi posti in collocamento presso comunità i minori.

Le risultanze delle serrate indagini, effettuate dalla Tenenza dei Carabinieri di Bisceglie, sono state integralmente condivise dalla Procura della Repubblica presso di Tribunale per i minorenni di Bari, e poi dal Giudice per le indagini preliminari, sicché gli arrestati sono tutti accusati, in concorso con altri sette maggiorenni, di minacce gravi, lesioni gravi pluriaggravate nonché porto ed utilizzo di armi ed oggetti atti ad offendere.

Come si ricorderà. la feroce ed immotivata aggressione era avvenuta per banali motivi alle ore 22:00 circa del 02 giugno 2020, allorquando in quattordici avevano brutalmente aggredito il malcapitato sedicenne tranese, colpendolo pericolosamente anche in zone vitali e terminando l’aggressione solo quando il ragazzo era oramai ferito ed esanime. Il tutto accadeva alla presenza di tre amici minorenni dell'aggredito che nulla avevano potuto fare per difenderlo dalla violenza del “branco".

Gli aggressori fuggirono disperdendosi per le vie del centro, non appena udirono il suono delle sirene dei Carabinieri immediatamente accorsi, su segnalazione di un amico della vittima.

Il sedicenne tranese era stato quindi subito soccorso sia dai militari dell’Arma che dal personale sanitario e trasportato prima all'ospedale di Bisceglie e poi al nosocomio di Andria, in “codice rosso".

I militari operanti, grazie alle immagini di videosorveglianza e soprattutto attraverso le dichiarazioni rese dai testimoni e dalla stessa vittima, erano giunti ad individuare con certezza tutto il gruppo degli indagati.

Nella giornata di ieri 4 agosto 2020, il Tribunale per i minorenni di Bari, dopo aver effettuato gli interrogatori di garanzia, ha rigettato l’istanza di revoca/sostituzione della misura in atto confermando per tutti e 6 l’attuale collocamento in comunità.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio zonno ha scritto il 06 agosto 2020 alle 16:00 :

    questi " rifiuti" ancorché responsabili di atti e comportamenti gravi e delittuosi. sono esseri umani, ovvero persone, specificatamente individui minorenni. la severita' e la fermezza della condanna e della pena loro inflitta, deve essere certa, motivata e persino esemplare. forse non riusciranno a comprendere da soli la bestialita' commessa. C'e' bisogno che la societa' perbene. quella rispettosa e riverente delle norme e ossequiosa nelle azioni di quotidiana legalita' fornisca con il proprio esempio di rettitudine etico. morale e fattuale gli anticorpi clinici capaci a recuperare le giovani vite fuorvianti e devianti. peccato che il vaccino occorrente sia del tutto insufficiente o addirittura inesistente. Rispondi a Antonio zonno

  • Luigi Cormio ha scritto il 05 agosto 2020 alle 22:07 :

    A questi maledetti basta... vanno solo spalancate le porte del carcere e senza nessuna attenuante. La società di questi “rifiuti” non sa che farsene. Rispondi a Luigi Cormio