L'iniziativa

“Global warming: mistificazione mediatica o tragica realtà?”

​La mobilitazione in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente delle Nazioni Unite​

Cronaca
Bisceglie sabato 30 maggio 2020
di Francesco Sinigaglia
Global warming: mistificazione mediatica o tragica realtà?
Global warming: mistificazione mediatica o tragica realtà? © n.c.

I cambiamenti climatici hanno determinato, nel corso delle ere geologiche, le migrazioni degli esseri viventi ma anche estinzioni di massa. Il sistema climatico della Terra è caratterizzato da complesse interazioni tra atmosfera, corpi celesti, oceani e calotte glaciali. Le ere glaciali in genere durano circa 100.000 anni, con periodi interglaciali, di circa 10 – 12.000 anni. In questi ultimi anni, è in atto un riscaldamento del pianeta Terra: riconoscere i drivers climatici è fondamentale per comprendere se il riscaldamento in atto del nostro pianeta, è fisiologico e mediato dall’uomo, ma soprattutto per dimostrane che l’allarme non è frutto di illazioni o mistificazioni create ad arte da alcune associazioni ambientalistiche, come affermato da alcuni governanti, ma una tragica realtà.

Il Club per l’UNESCO di Bisceglie, unitamente alla Lega Navale Italiana Sezione di Bisceglie - Presidente dott. Luigi CASSANELLI -, alla Sezione di Sciacca (Sicilia) - Presidente Avv. Aldo ROSSI -, e al WWF Sicilia - Area Mediterranea – Presidente l’Arch. Giuseppe MAZZOTTA -, sempre impegnati a sostenere incontri di 'In- Formazione' finalizzati a stimolare il pensiero critico e indurre il senso di collettività e responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo, hanno organizzato in covid-19 #DistantimaUniti per il 5 giugno 2020, Giornata Mondiale dell’Ambiente delle Nazioni Unite (World Environment Day) la pubblicazione del cortometraggio “Global Warming: mistificazione mediatica o tragica realtà?”. Il video è stato realizzato dal dott. Mimmo Macaluso, Direttore Scientifico-Settore Mare - WWF Sicilia – Area Mediterranea e Membro Onorario del Club per l’UNESCO di Bisceglie, presieduto da Pina Catino.

Il World Environment Day è una giornata mondiale proclamata nel 1972 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite in occasione dell'istituzione del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) che affronta come tema principale quello dei cambiamenti climatici e opera con lo scopo di salvaguardare il futuro della società mondiale.

Le estati, che vanno dal 1986 al 2019, sono state quelle più calde rispetto a qualsiasi altro periodo storico: questo repentino riscaldamento globale del pianeta Terra, non è ascrivibile alle periodiche oscillazioni climatiche e queste evidenze non sono frutto di speculazioni ambientalistiche, come la tropicalizzazione in atto del Mediterraneo. Il riscaldamento delle acque e dei mari e l’ipossia che si sono registrati nel corso di un monitoraggio dello stretto di Sicilia, in corso da oltre 10 anni, avrà conseguenze biologiche ed economiche di vasta portata. Le emissioni di gas serra stanno anche provocando l’acidificazione delle acque per aumento dell’anidride carbonica: questa condizione di acidosi, minaccia forme di vita marine come i gasteropodi, i coralli e i crostacei.

«La soluzione a questo drammatico problema è esclusivamente politica - come affermato dal dott. Macaluso - poiché soltanto i provvedimenti legislativi volti alla riduzione della liberazione dei gas serra, messi in atto da tutte le nazioni, potranno avere un effetto globale». Anche se le prove prodotte dagli scienziati, non dovessero essere sufficienti a dimostrare la responsabilità dell’uomo nel riscaldamento del Pianeta, la politica mondiale dovrebbe adottare un approccio a questo grave problema basato sul principio di precauzione: «Se le potenziali conseguenze di un'azione sono gravi o irreversibili, in assenza di una piena certezza scientifica, si attuino egualmente misure atte a prevenirle».

Il cortometraggio Global Warming: mistificazione mediatica o tragica realtà? di Mimmo Macaluso, quindi, sarà pubblicato il 5 giugno sulla pagina Facebook del Club per l’UNESCO di Bisceglie, oltre che sulla piattaforma YouTube .

Lascia il tuo commento
commenti