Il fatto

​Roma Intangibile, 180 soci si sono sottoposti al test sierologico per il Coronavirus ​

L'iniziativa dopo un incontro con l’infettivologo biscegliese Tommaso Fontana

Cronaca
Bisceglie giovedì 14 maggio 2020
di Francesco Sinigaglia
​Roma Intangibile, 180 soci si sono sottoposti al test sierologico per il Coronavirus ​
​Roma Intangibile, 180 soci si sono sottoposti al test sierologico per il Coronavirus ​ © n.c.

Lo storico e dinamico Sodalizio di Bisceglie, guidato con grande capacità dal suo Presidente Comm. Pasquale D’Addato, mercoledì 13 maggio 2020, dalle ore 7:30, ha dato origine a una grande iniziativa sanitaria, nel solco dei valori di mutuo soccorso, dopo un incontro con l’infettivologo biscegliese dott. Tommaso Fontana.

I soci hanno molto apprezzato la proposta fatta dal Presidente a nome dell’intero Consiglio di Amministrazione a sottoporsi al test sierologico relativo al Covid-19.

L’iniziativa è nata dieci giorni fa in un Consiglio ad uopo convocato, composto da Nicolantonio Logoluso, Emanuele Storelli, Caterina Ruta, Giuseppe Stregapede, Francesco Cognetti e Pierpaolo Sinigaglia, con le qualificate presenze del Gen. Pasquale Preziosa – esperto di sicurezza totale e Presidente di Eurispes – e del docente chimico, prof. Graziano Leuci e la collaborazione del Segretario Franco Dell’Orco e degli organi operativi rappresentati dai soci Carlo Lopopolo e Giuseppe Dammacco.

Ben 180 soci si sono sottoposti al test sierologico per il Coronavirus con prelievi effettuati dal professionale socio Giambattista Dell’Olio, coadiuvato da Lucia Chetta in stretto contatto con il laboratorio del dott. Papagni.

La scelta felice del C.d.A ha trovato apprezzamenti anche per via di una eccezionale organizzazione circa questo servizio offerto dall’ultracentenario Sodalizio. Il presidente D’Addato ha tenuto a sottolineare quanto la S.O.M.S. Roma Intangibile si sia resa vigile in merito all’importanza di offrire un importante contributo concreto alla comunità cittadina tanto da proporre un’occasione di sconfitta dell’epidemia, partendo dalla conoscenza dello stato fisico dei soci.

Pasquale D’Addato ha concluso: «Lo abbiamo fatto per conto nostro e in forma privata, in maniera rapida e particolarmente organizzata. L’occasione ha visto impegnati in maniera eccellente tutti i Consiglieri». Questi ultimi, invero, sono stati preposti ai seguenti ruoli: Storelli e Ruta in ambito organizzativo, formazione gruppi soci in ordine di prenotazione (15 al giorno) e controllo mascherine, guanti, gel sanificanti, distanza di sicurezza e percorso; Cognetti all’arrivo e al primo controllo dei Soci al gazebo; Stregapede, Lopopolo e Dammacco alla gestione amministrativa; Logoluso, supervisor; Dell'Orco al termoscanner per i soci in entrata.

Lascia il tuo commento
commenti