Pur stando in casa

Il Club per l'Unesco di Bisceglie aderisce all'iniziativa ​“Distanti ma Uniti”

Tre Giornate mondiali delle Nazioni Unite che ricorrono nel mese di marzo​

Cronaca
Bisceglie venerdì 27 marzo 2020
di Francesco Sinigaglia
Pina Catino
Pina Catino © n.c.

Il Club per l’UNESCO di Bisceglie ha aderito all’invito rivolto dalla Federazione Italiana delle Associazioni e Club per l’UNESCO in generale, per celebrare stando a casa, all’iniziativa “Distanti ma Uniti”, ovvero alle tre Giornate mondiali delle Nazioni Unite che ricorrono nel mese di marzo.

«È difficile festeggiare in un momento cosi drammatico ma è proprio in queste circostanze che si misura la nostra crescita personale e di Club verso i valori universali UNESCO», ha asserito la Presidente naz. FICLU arch. Teresa Gualtieri. In tale ottica, il Club per l’UNESCO di Bisceglie, rappresentato dai soci Antonella Pagano, Franco Leone, Donato Tambone e il suo Presidente Pina Catino, come attività, hanno inviato proprie poesie, fotografie e disegni, coniugando tre giornate mondiali al fine di rendere felice una o tante persone, regalare speranza attraverso forme diverse, promuovere il dialogo e la comprensione interculturale, come richiede l’UNESCO, per essere pubblicate sul sito della Federazione.

L’iniziativa si è dispiegata dunque secondo il calendario:

20 marzo - Giornata mondiale della Felicità, istituita nel 2012 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella consapevolezza di come la ricerca della felicità sia uno scopo fondamentale dell'umanità;

21 marzo - Giornata mondiale della Poesia, creata nel 1999 e patrocinata dall’UNESCO ricordando, inoltre, che nella stessa giornata ricorre il ricordo per l’eliminazione della discriminazione razziale, istituito dalle Nazioni Unite dal 1966;

22 marzo - Giornata mondiale dell’Acqua, istituita nel 1992 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con lo scopo di richiamare l’attenzione pubblica sull’importanza della risorsa e per promuovere un suo consumo più responsabile e consapevole. Tema 2020: Acqua e Cambiamenti Climatici (Water and Climate Change).

Franco Leone, poeta, ha dedicato la sua poesia Italia Ti Rialzerai all’Italia, ferita ma non piegata dall’emergenza giunta da una zona remota del globo, nella consapevolezza che presto la sua fierezza tornerà a risplendere.

Antonella Pagano, poeta e sociologo, ha presentato Aqua Fertilitatis e La Poesia dei Territori. Nella prima poesia, la poetessa Pagano inneggia alla fertilità dell’acqua; nella seconda parla della meraviglia dei mille territori che ci offre il pianeta e dei territori interiori, dell’anima, ambedue da coltivare e di cui occuparsi con cura.

Nella poesia Primavera della fotoreporter freelance Pina Catino, correla lo scritto a una fotografia, tratta dal suo volume Orizzonti d’Acqua (Ed. Regione Puglia - Assessorato alla Pubblica Istruzione). In questo, è la religione della natura la musa ispiratrice: si tratta di una religione antica quanto l’uomo che, nelle forze della natura, vedeva il principio che re – legava da cui re – ligio (religione) tutte le cose.

Stilla Di Sole, presentata dal poeta Donato Tambone, aggruma in sé dinamiche emozioni antropizzando la natura, il vento, il sole, l’acqua, la terra. Le emozioni dominano, delicate e potenti: ogni sua poesia è un’avventura dell’anima.

L’azione, inoltre, sarà pubblicata sul sito della Federazione e, insieme alle attività degli altri Club, costituiranno un primo contributo della FICLU al raggiungimento della felicità e alla lotta a un nemico che non conosciamo ma che vinceremo.

Lascia il tuo commento
commenti