Il caso

Famiglia disperata, un raggio di luce dagli studenti biscegliesi

La mobilitazione degli alunni dell'IISS Cosmai e del II Circolo di "Via Fani"

Cronaca
Bisceglie giovedì 19 dicembre 2019
di Nicola Di Chio
Solidarietà
Solidarietà © n.c.

Vanno ancora a scuola, ma hanno impartito una autentica lezione di vita ai tanti adulti che passano con indifferenza davanti ai drammi della vita degli altri. Anche, purtroppo, a chi occupa posizioni di rappresentanza degli interessi comuni.

Sono gli alunni dell'IISS Sergio Cosmai di Bisceglie e quelli del II Circolo "Via Fani". Si sono autotassati per dare una mano alla famiglia che stava e sta vivendo un momento drammatico. La vicenda è quella del nucleo familiare composto da due bambine disabili, madre affetta da tumore al seno e padre disoccupato per accudire i suoi cari. Famiglia che rischiava lo sfratto alla vigilia di Natale. E’ nata una vera e propria gara di solidarietà da parte dei vicini di casa, in primo luogo, ma anche di tanti cittadini che hanno voluto mettere insieme una somma da versare al proprietario dell’appartamento per guadagnare qualche mese di tempo e consentire all’Amministrazione comunale di trovare una soluzione stabile e duratura per questa famiglia.

Il contributo più importante, proprio per il forte segno simbolico che rappresentava, è arrivato proprio dagli studenti delle due scuole biscegliesi.

«Come rappresentanti di istituto –raccontano gli studenti dell’IISS Sergio Cosmai– attraverso la stampa, siamo venuti a conoscenza di una famiglia di Bisceglie in difficoltà ed abbiamo sentito subito il bisogno di fare un concreto gesto di solidarietà, raccogliendo un piccolo, ma crediamo significativo contributo economico. Operiamo nel settore dei Servizi Socio-Sanitari e siamo venuti già in passato a contatto con le difficoltà che vivono molte persone. Siamo convinti che potremo regalare un sorriso in più per le prossime festività».

Insomma, una lezione di vita che gli adulti dovrebbero apprendere proprio da questi ragazzi che rappresentano non solo il futuro, ma anche il presente di Bisceglie.

Lascia il tuo commento
commenti