Il caso

Documento Strategico Commercio: incontro tra Amministrazione, Confcommercio e Confesercenti

Naglieri: “Necessario approvarlo ma resta aperto”

Cronaca
Bisceglie sabato 12 ottobre 2019
di La Redazione
Gianni Naglieri
Gianni Naglieri © n.c.

Il Documento Strategico del Commercio (Dsc) è e resta uno strumento aperto, in linea con la logica condivisa che ne ha contrassegnato la genesi e la redazione. È quanto ribadito unanimemente ieri in un incontro tra Amministrazione Comunale, ConfCommercio e Confesercenti.

“L'approvazione in Consiglio Comunale del Documento Strategico del Commercio ha alimentato interventi di varia natura ex post, assolutamente in linea con l’essenza stessa di un atto in continua evoluzione e crescita, che non possono essere trascurate o non considerate nell'ambito di un contesto aperto e democratico, esattamente come nei presupposti amministrativi del Governo della città”, ha dichiarato, al termine dell’incontro, Gianni Naglieri, Assessore alle attività produttive del Comune di Bisceglie

“Era assolutamente prioritario approvare il Dsc senza ulteriori perdite di tempo, dopo un’attesa durata 15 anni, per andare incontro alle esigenze del commercio locale, che sta attraversando un periodo di difficoltà, e per rispettare la scadenza relativa alla possibilità di emanare bandi relativi ai mercati pubblici”, ha aggiunto l’Assessore Naglieri. “Fermo restando quindi questa necessità, l'impianto del documento, fondamentale e prezioso per la regolarizzazione con bando di tante attività connesse al commercio, è per sua stessa natura flessibile e aggiornabile”.

“È il caso, per esempio, dei criteri per il rilascio di nuove autorizzazioni e, in particolare, della superficie minima di 50 metri quadri riservata al pubblico per i nuovi locali che si occupano di somministrazione di alimenti e bevande nel centro storico”, ha continuato l’Assessore alle attività produttive. “Quest’ultimo parametro è stato inserito per evitare il disturbo della quiete pubblica, nonché per l’esigenza di tutelare e salvaguardare una zona di pregio artistico, storico, architettonico e ambientale, in un’ottica di sviluppo armonico dell’area, che già dispone di molti locali della stessa tipologia. Siamo tuttavia certi che un’ulteriore riflessione e concertazione, diretta all’adozione di eventuali modifiche migliorative, non rappresenti un vulnus o una sconfitta, ma una crescita della Città, fermo rimanendo le disposizioni cogenti in materia sanitaria adeguate al tipo di attività, alla potenzialità produttiva e al numero degli addetti, nonché, agli sviluppi sostenibili delle aree interessate”.

“Quanto al contrasto all’abusivismo, infine, occorre ricordare che il 2018 ha segnato una svolta nell’azione ispettiva e, ove necessario, sanzionatoria della Polizia Locale in attività commerciali ed esercizi pubblici con 228 controlli in luogo dei 40 del 2017 e 88 sanzioni in luogo dei 16 del 2017”, ha concluso l’Assessore Gianni Naglieri.

Lascia il tuo commento
commenti