Il fatto

Missione compiuta: raccolta la somma necessaria a restaurare l'antico argano al porto

Ha avuto successo l'oniziativa proposta dal Sindaco Angarano e da Mimmo Cormio di “iologico”

Cronaca
Bisceglie martedì 17 settembre 2019
di La Redazione
L'antico argano del porto di Bisceglie
L'antico argano del porto di Bisceglie © n.c.

In meno di 24 ore è stato raggiunto l'obiettivo: restaurare l'argano in legno distrutto in via La Spiaggia. O meglio, in meno di 24 ore è stata raggiunta la somma necessaria a realizzare l'opera grazie alla raccolta fondi popolare avviata da Mimmo Cormio, fondatore dell’associazione di promozione sociale “iologico”, e raccolta dal Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano, dopo che nei giorni scorsi sono circolate le foto del caratteristico attrezzo in legno tristemente fatto a pezzi e depositato sulla banchina del porto.

“Quell’argano, così come gli altri che caratterizzano il nostro porto, è molto più che un attrezzo in disuso”, ha sottolineato il Sindaco Angarano. “È un antico strumento di lavoro emblema del nostro profondo legame con il mare, del valore che nei secoli ha avuto la pesca per l’economia biscegliese. Un pezzo di storia che non solo deve essere recuperato ma anche valorizzato. Solo un primo passo per un progetto più grande ed esteso, che punti al recupero di tutto ciò che rappresenta la nostra forte identità marinaresca e nautica, senza trascurare la storia della carpenteria locale, un condensato di artigianalità, maestria e tradizione. Durante un sopralluogo effettuato con Mimmo Cormio abbiamo condiviso la necessità di coinvolgere in questo percorso tutti i cittadini, perché l’argano è un simbolo di Bisceglie, della nostra produttività e laboriosità, della nostra cultura”, ha concluso il sindaco Angarano.

“Ringraziamo l’Amministrazione Comunale per la sensibilità mostrata”, ha sottolineato Mimmo Cormio, che con la sua Aps “iologico” ha già portato a termine un’operazione ben più ambiziosa, il restauro di un vecchio gozzo, creazione dell’ultimo grande “maestro d’ascia” biscegliese, Felice Pignatelli, attraverso una raccolta fondi che ha registrato una partecipazione copiosa ed entusiastica. “Abbiamo convenuto che si dovesse rendere partecipi i biscegliesi di questo ‘recupero’ stabilendo un contributo simbolico di 5 euro, allargando a chiunque la possibilità di partecipare. La distruzione dell'argano si è trasformata, così, in un’occasione proattiva di riscoperta collettiva della nostra identità nautica e marinara”.


Lascia il tuo commento
commenti