L'intervento

Usppi: «Universo Salute, l'eccellenza dalla parte degli utenti e dei lavoratori»

Il plauso sindacale ai risultati ottenuti dai nuovi gestori dell'ex Casa Divina Provvidenza

Cronaca
Bisceglie lunedì 09 settembre 2019
di La Redazione
La ex Casa Divina Provvidenza Bisceglie
La ex Casa Divina Provvidenza Bisceglie © n.c.

«Non c’è solo la malasanità». Lo afferma il Segretario dell’USPPI Nico Preziosa dopo aver trascorso da degente, alcuni giorni nel reparto Riabilitativo Villa San Giuseppe di Universo Salute Opera Don Uva di Bisceglie, ex Casa Divina Provvidenza.

«Universo Salute Opera Don Uva di Bisceglie - afferma - oggi è una realtà altamente qualificata che ha portato il Don Uva ad essere un centro di eccellenza. Si ricorda che l’USPPI è stato il promotore al Ministero a Roma affinché Don Uva fosse acquisita proprio da Universo Salute che offriva ampie garanzie a più livelli, primo fra tutti il livello occupazionale, infatti la lungimiranza del Sindacato unitamente alle continue sollecitazioni hanno consentito la salvezza di 1500 posti di lavoro (medici e personale di comparto) e il riconoscimento della certificazione d’eccellenza ( ISO 9001.2015).

L’impegno profuso dall’Amministratore Delegato, Paolo Telesforo, è stato determinante per la crescita e l’eccellenza del Don Uva. E’ la soddisfazione e l’ammirazione del Segretario Preziosa, ha consentito che oggi tutto il personale è soddisfatto e garantisce la dovuta assistenza ai degenti con dedizione e alta professionalità. Una particolare attenzione va al personale dell’Area Riabilitativa Villa San Giuseppe, dal Capo Area, Medici, Coordinatore, Terapisti, Infermieri e Operatori Socio Sanitari-Oss che è ENCOMIABILE e con perizia e abnegazione svolge quotidianamente le proprie mansioni, senza tralasciare lo spirito di sacrificio con cui tutti sopperiscono alla carenza di personale, che nell’ultimo periodo è andato in quiescenza”.

L’Usppi Puglia esprime «grande soddisfazione in ordine alla certificazione di eccellenza ISO 9001. 2015 delle strutture del Don Uva di Bisceglie e Foggia, una scommessa che l’Amministratore Delegato Paolo Telesforo ha vinto, grazie al fattivo impegno dei 1600 lavoratori medici e paramedici che, con caparbietà e dedizione al lavoro hanno portato detto risultato – dice Nicola Brescia Segretario Nazionale del sindacato autonomo -. A breve, la Regione Puglia dovrà attuare la riconversione degli istituti ortofrenici: una battaglia durata oltre 20 anni che finalmente si sta per concludere positivamente, ciò comporterà più garanzie occupazionali e finanche l’assunzione di figli di lavoratori con qualifica di operatore socio sanitario.
Lascia il tuo commento
commenti