Il caso

Scagionato l'ex presidente del Consiglio comunale di Roma, Galantino: «Orgoglioso di averlo difeso»

L'intervento del deputato biscegliese dopo la decisione della Corte di Cassazione

Cronaca
Bisceglie domenica 25 agosto 2019
di La Redazione
Davide Galantino
Davide Galantino © n.c.

«All'epoca fui vittima anch'io di un linciaggio mediatico per aver difeso De Vito. Infatti, in una nota ufficiale del M5S si leggevano testuali parole: “Il deputato Galantino può andare nel PD, anzi lo invitiamo proprio ad andare nel PD, o in Forza Italia, insomma in qualsiasi altro posto che non sia il Movimento 5 Stelle”, fa strano vedere oggi Di Maio e Zingaretti seduti allo stesso tavolo, ma dopo aver cambiato idea su qualsiasi cosa, questo non mi meraviglia».

E' quanto si legge nella nota a firma del deputato biscegliese, ormai nel gruppo misto, Davide Galantino.

«Ho sempre ostentato le mie idee - prosegue - senza timore di essere relegato ai margini. C’era un tempo infatti, in cui prendevo posizione per la gogna mediatica propinata a Marcello De Vito, il presidente del consesso capitolino, arrestato per corruzione in ordine ai fatti dello stadio di Roma. Recriminavo l’ingiustizia del processo mediatico. Di aver messo alla gogna un uomo che non poteva difendersi. L’applicazione di una misura cautelare, infatti, non sempre determina la colpevolezza dell’indagato che all'esito del processo può anche essere assolto. O ancora, l’applicazione di una misura cautelare può essere anche il frutto di un provvedimento meritevole di approfondimenti. Così è stato per Marcello De Vito.

La Corte di Cassazione ha statuito che non sussistono "dati indiziari" sufficientemente motivati, prima dal Gip e poi dal Riesame, per affermare che il presidente dell'assemblea capitolina Marcello De Vito e l'avvocato Camillo Mezzacapo facessero parte del "gruppo criminale" guidato dall'imprenditore Luca Parnasi. Oggi la Corte di Cassazione ha decretato che avevo ragione di difendere Marcello De Vito. Felice di aver sempre esternato le mie opinioni come ogni rappresentante dei cittadini dovrebbe fare.

Lascia il tuo commento
commenti