Il caso

Approcci sessuali sotto la lapide di Aldo Moro e poi la rissa

La vicenda che da ieri sera tiene banco in città

Cronaca
Bisceglie domenica 19 maggio 2019
di La Redazione
Atti osceni sotto la lapide di Aldo Moro
Atti osceni sotto la lapide di Aldo Moro © n.c.

La vicenda, è inutile far finta di nulla, da ieri sera tiene banco fino all'ossessione passando di cellulare in cellulare, di bocca in bocca e non solo a Bisceglie: due giovani, con il chiaro accento napoletano, che erano intenti non si sa bene per quale ragione a compiere atti osceni in luogo pubblico, incuranti di decine e decine di passanti che si fermavano anche ad assistere e filmare lo spettacolo da sexy shop offerto dai due.

La storia è finita con una rissa in pieno centro cittadino.

Nella foto allegata, ovviamente con il voto coperto dell'uomo, si vede la coppia in inequivocabili approcci sessuali, proprio sotto la lapide dedicata ad Aldo Moro, appena qualche giorno prima omaggiata da una corona d'alloro dalle autorità cittadine. Tra l'altro proprio mentre solo qualche ora prima nel Liceo Scientifico Da Vinci, veniva ricordata ancora una volta la figura dello Statista salentino. Insomma, un vero e proprio oltraggio alla memoria collettiva degli italiani.

La vicenda non poteva non avere risvolti politici. Gli interrogativi, infatti, sono: per quale motivo non è intervenuta la forza pubblica? Il centro di Bisceglie è diventato una zona franca dove tutto è consentito?

«Ormai si spara, si fanno risse, si fa di tutto nelle piazze biscegliesi e in pieno centro. La città - scrive Francesco Spina, ex Sindaco di Bisceglie - è alla deriva, allo sbando completo. Chi governa la città si dimostra allergico al rispetto delle regole di ogni natura e, a cascata, tutti si sentono impuniti e immuni. Purtroppo, chi voleva un’amministrazione debole per poter imporre le proprie “regole” della prepotenza e della “legge”del più forte e del più “raccomandato” ora è servito».


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 19 maggio 2019 alle 11:15 :

    In pratica un flash mob fin troppo evidentemente organizzato da una escort professionista per farsi pubblicita. Pare ci sia riuscita perfettamente. Rispondi a Franco

  • Siamo alle solite ha scritto il 19 maggio 2019 alle 11:12 :

    Eccolo!! Puntuale con un orologio svizzero....ma anche giapponese!! Un episodio che certamente poteva e doveva essere degno spunto di riflessione sociale (sia con riguardo all'oltraggioso e lussurioso spettacolo andato in scena per le strade cittadine che per l'altrettanto vergognoso ed animalesco pestaggio verificatosi in seguito - più grave il secondo che li primo, a mio umile avviso) diviene Il pretesto per l'ennesimo attacco strumentale all'amministrazione cittadina locale da parte di ex politici che non si rassegnano al loro destino....Personalmente sono stanco e stufo di questa deriva mediatica e di chi la asseconda! Rispondi a Siamo alle solite