Il caso

«Istituita a Bisceglie la prima vaccinazione di “Partito“. Iscrivetevi e sarete privilegiati​​»

La denuncia del Consigliere comunale di opposizione Francesco Spina

Cronaca
Bisceglie sabato 15 gennaio 2022
di La Redazione
Vaccino anti Covid
Vaccino anti Covid © n.c.

«Una vaccinazione di partito pagata con soldi pubblici. Cose che succedono solo a Bisceglie: è vero che siamo l’unica città a non aver avuto per 3 mesi un hub vaccinale comunale; ma è anche vero che, se Angarano rallenta l’hub, ci pensa Silvestris, l’altro partner dell’amministrazione , che ai soli cittadini da lui “raccomandati” di un circolo biscegliese, somministra i vaccini, a spese della comunità (visto che le prestazioni di vaccinazione e il farmaco vengono pagati con i soldi pubblici dei cittadini), soltanto a chi ha la fortuna e i soldi per iscriversi al noto circolo cittadino».

Parole del Consigliere comunale di opposizione Francesco Spina che chiamano in causa l'attività professionale di un possibile concorrente nella corsa verso Palazzo San Domenico.

«E agli altri 55 mila cittadini biscegliesi - scrive Spina - non iscritti al circolo, Silvestris, preso dalla piena campagna (vaccinativa o elettorale?), non pensa? Ho un messaggio, che mi è stato gentilmente inoltrato in buona fede da chi voleva coinvolgermi nella “raccomandazione” collettiva di chi non dovrà fare prenotazione e fare file per ottenere il vaccino. Io, però, ritengo che sia doveroso il rispetto, come ho fatto sempre, delle regole e delle lunghe file (come ho fatto per tutti i miei vaccini). In altre città si urlerebbe, leggendo questo messaggio, per lo meno al dubbio delle ipotesi di peculato e abuso di ufficio (vista la qualità ufficiale di chi somministra un vaccino ed espleta un servizio pubblico gestendo risorse pubbliche).

A Bisceglie, invece, si ostentano queste situazioni come segni di privilegi, pur non essendo certamente manifestazioni etiche e rispondenti alle regole di sana gestione di servizi e risorse pubbliche. Sindaco Angarano e vice-sindaco Consiglio, che pensate, quali massime autorità sanitarie cittadine, dei ritardi nell’istituzione dell’hub pubblica e delle raccomandazioni ad amici del socio di maggioranza Silvestris? La “Svolta” consisteva nel creare cittadini di seria A e cittadini di Serie B, che devono chiedere concessioni e fare code interminabili o aspettare marzo o aprile per la terza dose come e’ accaduto a molti biscegliesi? Si gestiscono così le risorse della sanità pubblica?

Il messaggio che circolava pubblicamente stamattina sui social biscegliesi rimarrà una delle pagine più brutte di questa pandemia: istituita in Italia, a Bisceglie, la prima vaccinazione di “Partito “. Iscrivetevi e sarete privilegiati»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gerom ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 22:10 :

    Noi di forza Silvio, vogliamo pdr berlusconi Rispondi a Gerom

  • Vincenzo Porcelli ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 20:29 :

    Spero in un errore di Spina, avremmo toccato il fondo, saremmo tornati indietro di almeno 70 anni. Se così fosse dovrebbe intervenire la Magistratura. Rispondi a Vincenzo Porcelli