Il cordoglio

Bisceglie piange la scomparsa di Vito Valente, l’ultimo dei fondatori del Mobilificio Valente

Il ricordo della famiglia

Cronaca
Bisceglie sabato 08 gennaio 2022
di La Redazione
Bisceglie piange la scomparsa di Vito Valente
Bisceglie piange la scomparsa di Vito Valente © n.c.

È deceduto giovedì 6 gennaio all'età di 78 anni Vito Valente l’ultimo dei fondatori del Mobilificio Valente, nato a Bisceglie nel 1919.

Il nipote Piero Valente così lo ricorda: «Ciao zio, con te se ne va un pezzo di storia. Sei l'ultimo dei fratelli e con te va via la presenza di un uomo che ha saputo testimoniarci la passione per il lavoro e l'attaccamento alla famiglia. Abbiamo camminato insieme per oltre mezzo secolo in questa storia che abbraccia tre generazioni da quell'ormai lontano 1919, quando nonno Pietro insegnava ai suoi figli i primi rudimenti della lavorazione del legno attorno al vecchio banco da lavoro.

Come sempre però, quello che rimane sono gli insegnamenti e i valori trasmessi, la nostra vera ricchezza, fondamento e collante della famiglia Valente, l'unione mai scontata e per questo patrimonio che custodiamo gelosamente.  Condividendo insieme gioie e difficoltà, ci hai insegnato che l'unione enfatizza la felicità e ci fa superare il dolore. Raccogliamo quindi questo testimone, ben sapendo che tra noi, fratelli e cugini, non esiste più un confine tra famiglia e lavoro, in coerenza  con gli insegnamenti ricevuti da te e dai tuoi fratelli, mio papà Tommaso, zio Tonino e zio Donato. Sei stato per noi esempio di mitezza, umiltà e semplicità e per questo voglio ringraziare Colui che ti ha voluto accanto a noi. Grazie zio Vito e adDio....nella consolante consapevolezza che è solo un arrivederci».

I funerali sono stati officiati ieri a Bisceglie. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria Murgolo ha scritto il 08 gennaio 2022 alle 09:51 :

    Bellissime parole sentite..nulla di più vero.ci abbracciamo al vostro dolore per l a perdita del vostro amato Vito Valente con stima..Famiglia Foggetti Rispondi a Maria Murgolo