Il caso

«​Turismo dentale con interventi low cost, un fenomeno da controllare»

Il presidente dell’Andi Bari e Bat, Fabio De Pascalis, invita i pazienti alla prudenza. Troppi i pericoli

Cronaca
Bisceglie martedì 21 dicembre 2021
di La Redazione
Fabio De Pascalis, presidente Associazione nazionale dentisti Italiani Bari e Bat
Fabio De Pascalis, presidente Associazione nazionale dentisti Italiani Bari e Bat © n.c.

«Manca poco allo scadere di questo anno. E’ per noi tempo di bilancio ma non possiamo esimerci dal consegnare a chi ci legge e a chi ci ascolta delle riflessioni».

Il presidente dell’ANDI, per le province Bari e Bat, Fabio De Pascalis nel tracciare un bilancio di questo 2021, con le attività e la formazione messa in campo nonostante la pandemia, interviene sull’ultimo (in ordine di tempo) caso di turismo dentale, terminato con la morte del paziente. L’andriese Agostino Sellitri (71 anni) si era recato in Albania per sottoporsi ad un intervento di protesi dentale, ma nella notte successiva all’intervento un infarto lo ha stroncato.

«Al netto delle correlazioni e delle implicazioni che quell’intervento può aver causato – dichiara il presidente – sento il dovere a nome mio e di tutti i colleghi di richiamare a norme di prudenza e di attenzione nel momento in cui chiunque decida di affrontare un viaggio di questo tipo. Le promesse di interventi dentali low cost nascondono insidie e rischi che non possono essere sottaciuti. Peraltro questi pazienti vengono reclutati in modo subdolo e poco trasparente. Invitiamo tutti a non farsi abbindolare. Il basso costo significa spesso scarsa assistenza, non rispetto dei tempi clinici necessari, nonché stress fisico e psicologico eccessivo per il paziente. Molto più che spesso tocca a noi riparare i danni fatti altrove. E non è così semplice come si pensa. Curarsi in Italia invece – ricorda De Pascalis - ha le sue garanzie non solo perché avviene da parte di professionisti iscritti all’Ordine, quindi subito verificabile, ma anche perché non è consentito derogare ad alcun obbligo igienico - sanitario che la legge ci impone».

Per Fabio De Pascalis «preso atto di questo fenomeno, purtroppo sempre più frequente a causa della crisi economica imperante, non possiamo rimanere indifferenti. Se da un lato ci impegniamo a venire incontro ai pazienti, dall’altro però vigileremo su questo fenomeno».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Agata giannattassio ha scritto il 21 dicembre 2021 alle 17:46 :

    Basta vedere il listino prezzi dei dentisti....personalmente mi hanno chiesto x 7 denti.....da incapsulare..oltre 9000 euro.....mentre nei paesi citati...gente x sistemare tutti i denti.....4000 euro.... Rispondi a Agata giannattassio

  • Gerom ha scritto il 21 dicembre 2021 alle 13:20 :

    Un volto molto rassicurante. Chiedetevi i motivi, bisogna rendere pubblico la patologia dentale. I problemi di dentizione e similari fanno ancora parte del corpo umano. Solo in Italia succede questa forma di estorsione privata. Non vi crede nessuno. Siete commercianti. Rispondi a Gerom

  • Giovanni Storelli ha scritto il 21 dicembre 2021 alle 07:00 :

    Cominciate a ridurre in modo significativo i costi che obbligate a sostenere i pazienti x qualsiasi tipo di intervento (il vostro si sa, è un cartello)...... Rispondi a Giovanni Storelli

    vincenzotattoli ha scritto il 21 dicembre 2021 alle 13:26 :

    CONDIVIDO Rispondi a vincenzotattoli