Il fatto

«Via Aldo Moro non è una pista ciclabile, ma una zona pedonale​»

"Sul corso, non di corsa", una nuova iniziativa a Bisceglie

Cronaca
Bisceglie martedì 01 giugno 2021
di La Redazione
"Sul corso, non di corsa", una nuova iniziativa a Bisceglie © n.c.

Domenica 30 maggio, un gruppo di giovani ragazze e ragazzi biscegliesi, dopo essere venuto a conoscenza del tragico evento avvenuto sul corso Aldo Moro al piccolissimo bambino di soli 4 anni, travolto da una motocicletta, ha scelto di mettersi a disposizione per cercare di ricordare a tutti i giovani che utilizzano motorini, motociclette, biciclette da corsa e similari,che il corso non è stato progettato per essere una pista ciclabile ma bensì una zona pedonale.

L’iniziativa “Sul corso non di corsa” ha come obiettivo quello di far sì che ciò che è accaduto al giovane bambino, che fortunatamente ha riportato solo qualche livido sul proprio viso, non accada a nessun altro, bambino, anziano o adulto che sia.

L’obiettivo - scrivono i promotori dell'iniziativa - è quello di far tornare a vivere il corso in maniera serena, così da poter ritornare a passeggiare in completa tranquillità, senza doversi preoccupare di essere investiti o sfiorati da diversi mezzi a due ruote, oramai quasi del tutto silenziosi e impercettibili se non poco prima del contatto.

Diversi bambini hanno voluto partecipare all’iniziativa perché protagonisti della stessa.

A breve partirà una raccolta firme che coinvolgerà diversi commercianti della nostra città, volta appunto a limitare l’utilizzo dei veicoli a due ruote in corso Aldo Moro e, in futuro, a sanzionare chi non rispetta tali limiti.

Qui, insieme ai bambini e alle bambine, alcuni dei giovani che hanno deciso di portare avanti questa proposta cittadina, tra cui: Claudio Lorusso, Adele Ricchitelli, Gigino Fata, Claudio Gallo, Maria e Bruna Fata, Federica Ricchitelli, Lucrezia Valente e Arianna Lamantea.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • andrea di gregorio ha scritto il 03 giugno 2021 alle 16:04 :

    Certo, nelle zone pedonali si circola solo a piedi, giustissimo. Spero che con lo stesso metro si giudichino i pedoni che invadono la pista ciclabile sul lungomare. Rispondi a andrea di gregorio

  • Mauro Cassanelli ha scritto il 01 giugno 2021 alle 17:35 :

    Stesso discorso va fatto per la zona pedonale di C/s0 Umberto " zona piazza del pesce e frutta nei 2 lati" dove tutti i giorni si fanno discussioni che potrebbero, qualche volta, degenerare. Tale zona viene sempre percorsa da tutti i tipi di mezzi che mettono a rischio tutti i tipi di cittadini e special modo i portatori di hendicap, le signore con corrozzini con bambini o con cestelli carrellati, gli anziani , eccc... Pertanto vorrei sapere cosa aspetta il sig. Sindaco a prendere provvedimenti? Aspetta l'imponderabile? o cosa altro? Ennesimo richiamo al dovere per Sindaco e Comandante Polizia Municipale oltre che Assessore alla Polozia Urbana. Rispondi a Mauro Cassanelli

  • Sergio Gramegna ha scritto il 01 giugno 2021 alle 06:38 :

    Non esiste limitare ma bensì vietare il passaggio con bici o altro. Ci sono altre strade x poter attraversare suddetto corso. Eventualmente se devono attraversare, lo potranno fare portando il mezzo a piedi. Eppure basta poco ad essere civili e corretti. X fortuna non è successo una tragedia, il piccolo poteva farsi molto male. Auguri al piccolo . Sergio G. Rispondi a Sergio Gramegna