La novità

Piazza Margherita e la ‘piazza del pesce’ cambiano volto, il progetto finanziato con 1,4 milioni

Nascerà una grande e suggestiva piazza completamente pedonale con pavimentazione in basole che consentirà di mettere a sistema i principali siti di interesse e valenza storico-culturale del centro storico

Cronaca
Bisceglie giovedì 04 febbraio 2021
di La Redazione
Piazza Margherita e la ‘piazza del pesce’ cambiano volto
Piazza Margherita e la ‘piazza del pesce’ cambiano volto © n.c.

Riqualificazione funzionale di Piazza Margherita di Savoia, Teatro Garibaldi, Chiesa di Santa Margherita e sistema di viabilità e servizi di Corso Umberto I, un intervento strategico per la valorizzazione del sistema di accoglienza e fruizione turistica diffusa del borgo antico. Consiste in questo il progetto del Comune di Bisceglie presentato dall’Amministrazione Angarano che sarà finanziato con 1.400.000 euro nell’ambito dei fondi stanziati per progetti esecutivi di infrastrutturazione turistica.

Il progetto prevede la ripavimentazione dell’intera area che comprende piazza Margherita di Savoia, la ‘piazza del pesce’ e le traverse che collegano il mercato a via Imbriani con basolato in pietra calcarea su unico livello, eliminando il dislivello esistente tra marciapiedi e carreggiata. L’intera area ripavimentata sarà dotata di nuove panchine in pietra. L’intervento prevede inoltre un nuovo impianto di illuminazione più efficace e integrato al contesto storico, nonché la realizzazione dell’impianto di raccolta delle acque meteoriche. In Piazza Margherita di Savoia, si procederà all’impermeabilizzazione delle coperture dei bagni pubblici posti a livello interrato; alla rimozione della grande quantità di segnaletica verticale e pannelli pubblicitari; all’eliminazione della recinzione in ferro che delimita l’aiuola centrale; ad interventi di potenziamento del verde urbano.

“È come se immaginassimo una grande e bellissima piazza unica, completamente pedonale, che comprende piazza Regina Margherita e la piazza del pesce. Una suggestiva agorà, punto di incontro e connessione tra centro urbano e borgo antico, che a sua volta è un trait d’union con il waterfront”, ha sottolineato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, ringraziando gli uffici che hanno lavorato al progetto. “Riusciremo così a mettere a sistema i principali siti di interesse, di grande valenza storico-culturale presenti nell’area, migliorando notevolmente la loro fruizione. Basti pensare, appunto, alla Città Vecchia con tutte le sue gemme tra chiese, edifici storici, castello svevo angioino e torre maestra, alla chiesa di Santa Margherita, al teatro Garibaldi, al nostro meraviglioso porto che ha già dimostrato tutto il suo potenziale attrattivo, alla stessa ‘piazza del pesce’ che anche in chiave turistica ha un ruolo primario, vista l’attrattività che esercitano i mercati tradizionali”.

“L’intervento strategico si inquadra, inoltre, in una logica di fruizione turistica sostenibile, slow ed esperienziale”, ha continuato il primo cittadino, “che si lega perfettamente alla visione della Città orientata alla ‘riconquista’ delle nostre aree di maggiore pregio riportandole a misura d’uomo, liberandole dalle auto, incentivando l’uso della bicicletta con nuove piste ciclabili e favorendo anche le passeggiate attraverso le zone a traffico limitato, come avviene sul porto in estate. Questo ha una grande valenza in termini di maggiore appeal turistico con significative opportunità di destagionalizzazione ma anche di migliore qualità della vita di tutti noi”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • fusti gator ha scritto il 04 febbraio 2021 alle 17:57 :

    l'ultima volta che sono passato da bisceglie e più precisamente dalla piazza del pesce, c'era solo un pescatore negletto con una mezza cassetta di pesciolini assortiti, manco molto invitanti. una miseria al confronto della ventina di pescivendoli strillanti, con decine di cassette di pescato ancora affondato nel ghiaccio o saltellante nell'agonia, assieme ai canestrelli e alle capesante che si vedevano ai bei tempi! interrogato in merito, uno del mestiere, mi ha spiegato che le massaie o i loro congiunti preferiscono comprare in pescheria, dove il pesce viene venduto pulito e quindi con poco sbattimento in casa. ciò stante, vale la pena di spendere tanti soldoni per una cattedrale nel deserto? Rispondi a fusti gator

  • Nicola di Tullio ha scritto il 04 febbraio 2021 alle 13:45 :

    Finalmente! Era ora! Il luogo cambia volto e si adegua ai tempi e ritmi della modernità urbanistica. Auguriamoci un lavoro fatto bene. Rispondi a Nicola di Tullio

  • Kik ha scritto il 04 febbraio 2021 alle 06:56 :

    Sig sindaco vedo se dai I soldi dei libri dei bonus affitto casa ecc no che sono 2 anni e nn arriva niente Rispondi a Kik