Immersi nella bellezza delle Grotte di Ripalta

L'appassionato reportage del nostro lettore Maurizio Monopoli su un angolo incantevole di Bisceglie

Attualità
Bisceglie lunedì 05 giugno 2006
di La Redazione
Le Grotte di Ripalta
Le Grotte di Ripalta © Sasso

Cara redazione, questa mattina (il 2 giugno, ndr) ho deciso di festeggiare l’anniversario della Repubblica Italiana in maniera informale. Ho preso la bicicletta e con moglie ho deciso di fare una passeggiata verso la zona Pantano Ripalta.

Ho lasciato la bicicletta all’inizio del “cosiddetto” Sentiero che parte dal tratto finale della litoranea di levante, dove stanno ultimando i lavori di consolidamento della costa.

Percorrendo il sentiero a piedi, cosa che consiglio ai nostri concittadini, ho scoperto, ancora una volta, le bellezze naturalistiche di quel tratto di costa che porta alle Grotte di Ripalta.

Le alte scogliere a strapiombo sul mare con lo spettacolo di una bellezza straordinaria delle grotte di Ripalta, modellate dalla evoluzione naturale degli elementi, senza l’intervento dell’uomo, sono l’esempio di un paesaggio che la natura ha saputo creare nel tempo e che certamente noi sappiamo poco valorizzare.

Mi sono seduto su una delle scogliere a strapiombo, la giornata era ventilata e non calda e mi sono gustato il paesaggio lontano dal traffico e dal cemento. Ho aperto il giornale nel silenzio e nella tranquillità del posto, che rigenera e ritempra lo spirito e il corpo, ho trascorso una mezza giornata piacevolissima.

Vi scrivo queste righe , anche per sottolinearvi che molte volte facciamo chilometri di strada per raggiungere posti tranquilli mentre a poca distanza abbiamo una zona di incommensurabile bellezza paesaggistica, che oggi, forse in tanti, non sappiamo più apprezzare per la frenesia e la velocità che i nostri ritmi di vita ci impongono.

Stiamo distruggendo a ritmi forsennati le risorse del pianeta, non so a quali scopi se non per sete di potere e di denaro, e non ci accorgiamo che non siamo nemmeno felici.

Passeggiando verso le Grotte di Ripalta ho riflettuto su quanto siamo incapaci di apprezzare le cose più importanti della vita, come contemplare un paesaggio naturale, perché ormai i falsi bisogni ci hanno corrotto le menti. Saprà salvaguardare, la nostra classe politica locale, quel tratto di costa per permettere ai nostri figli di apprezzare quello che io stamattina ho potuto ammirare?

Forse anche questo è un modo per festeggiare l’anniversario della Repubblica  e per ricordarci che,la nostra Costituzione (che una parte politica vorrebbe modificarla e speriamo che il 25 giugno ciò non avvenga) ha tra i suoi valori fondanti la salvaguardia e la tutela del nostro straordinario paesaggio.

Le nostre grotte di Ripalta sono un esempio lampante di tale rara bellezza paesaggistica.

Lascia il tuo commento
commenti