Il ricordo

​C'era una volta…, Ti racconto il mio Natale

L'iniziativa della scuola dell'infanzia del Plesso “Angela Di Bari”​

Attualità
Bisceglie martedì 14 gennaio 2020
di La Redazione
​C'era una volta…, Ti racconto il mio Natale
​C'era una volta…, Ti racconto il mio Natale © n.c.

Vetrine natalizie addobbate già da ottobre e spot pubblicitari in TV, ha ispirato il soggetto di una recita, che ha coinvolto i piccoli della sezione O della Scuola dell’Infanzia del Terzo Circolo S. G. Bosco di Bisceglie, scritta e messa in scena dall’insegnante Violetta Giacomino, il 19 dicembre scorso, condivisa dalla collega Antonella Di Terlizzi.

Un messaggio educativo rilevante, che ha coinvolto i piccoli nell’esaltare quel vero spirito natalizio di un tempo, l’inno alle nostre tradizioni locali. Una volta, la vigilia dell’Immacolata, scandiva ufficialmente l’inizio dell’attesa del Natale con i Fami accesi in ogni via della città, nonni e nipoti realizzavano presepi in modo artigianale e decoravano gli alberi con noci, mandarini, arance essiccate, famiglie che si incontravano, aggiungendo un posto a tavola per parenti, amici,conoscenti. Il contrasto fra il Natale di oggi su social e quello di ieri, ha dato forma a un filone narrativo che ha visto in primo piano i bambini nei ruoli di giornaliste in onda con un TG straordinario, inviati speciali recitando la diretta da piazza Emanuele in compagnia del Sindaco e Vicesindaco, che accolgono l’appello dei bambini, di non far smarrire il senso delle vere tradizioni, tramandate dai nostri nonni, rispettando quel tempo in cui dicembre scandiva l’incanto dell’ attesa, mentre oggi i social hanno dato oblio persino alla bellezza di scambiarsi gli auguri dal vivo.

I piccoli hanno evidenziato in scena chi in continuazione con i cellulari si scambia gli auguri con i social, Instagram, Facebook, Twitter, wastapp e chi, invece, una volta si abbracciava dal vivo, scambiando dei cuori rossi. C’era una volta il Natale di Ruggeri, il sottofondo musicale come apertura , a cui ha fatto seguito la poesia dialettale i Fami, recitata dai 4/5 anni. Una speciale vetrinad’amore dei bambini, invitare a tavola le persone che si amano : i genitori, nonni, parenti fra sorrisi e abbracci, rompendo quel senso di solitudine che caratterizza, a volte, i social, rivivere la Natività grazie a Gesù, che ci insegna l’amore e la pace. Un canto di Alleluia Alleluia nella notte di Natale che vede da Nord a Sud accendersi le stelle, la cui danza allegra conduce alla soave ninna nanna, perché il Natale è di tutti, ancor di più dei bambini, vicini all’amore di Gesù, che ci manda i suoi doni, tramite Babbo Natale.

In suo onore e dei presenti un canto Felizaz Navidad, accompagnato da piccoli strumenti musicali, suonati dai bambini, ha inondato l’uditorio gremito di quel raro magico spirito natalizio, che ha emozionato tutti, stupiti e inebriati, da quella magica atmosfera. Il senso della festa di Natale nella recita del 19 dicembre è stata di condividere in modo intimo e semplice la gioia dell’attesa con i genitori, nonni, zii e amici anche a Scuola, trasmettendo il valore della nostra Identità storica e culturale. Apprezzata la collaborazione attiva delle ragazze Scuola Alternanza lavoro dell’Ist. Tecnico Commerciale di Bisceglie, che hanno letto una poesia di speranza nel miracolo del Natale, nonché il supporto dei due collaboratori Scolastici, Rosa De Cillis e Antonio Girasole, della rappresentante dei genitori, Rosalinda Angarano.

Non c’è luce più bella, se non quella emanata dal cuore di ognuno di noi e in modo speciale dai bambini. La Dirigente, Maura Iannelli, ha espresso il suo beneplacito come per tutti gli altri eventi natalizi, organizzati grazie all’impegno profuso degli alunni e del team docenti, che hanno dato lustro al Terzo Circolo “S. G. Bosco”.

Lascia il tuo commento
commenti