La novità

​Sua maestà ″Il Sospiro″ entra tra i ″presìdi Slow Food″

Ed il poeta biscegliese Nicola Ambrosino gli dedica un componimento

Attualità
Bisceglie mercoledì 05 dicembre 2018
di Francesco Sinigaglia
"Il Sospiro" entra tra i "presìdi Slow Food" © n.c.

Il poeta e attore biscegliese Nicola Ambrosino diffonde un componimento alle eccellenze locali, e in particolare al “Sospiro”: «Promuovere il proprio territorio, salvaguardando la propria identità culturale ed enogastronomica, "Eccellenze di Puglia", non poteva mancare, nel Castello di Carovigno, del XIV Sec., “sua maestà” il sospiro di Bisceglie. La sapienza dolciaria dei maestri pasticceri del Bar Rondò (Ventura-Ricchiuti) e di Pantaleo Dell'Olio hanno offerto tutta la loro arte nel far assaporare ai tanti esperti del Presidio Slow Food di Terra di Puglia la squisitezza di un soffice pan di spagna, una morbida crema e sapori inenarrabili.

L'occasione è stata offerta dalla presentazione delle due guide, edizione 2019, delle Osterie di Puglia Slow Food e del Wine Food 2019. Tra le particolari pietanze del territorio pugliese (ceci, caciocavalli, capocolli, salsicce, accompagnati da vini di fine boccata) a completare il menù è stato, dunque, il tipico “nettare degli dei” chiamato “Sospiro” che solo la nostra Bisceglie può offrire. Assaggiare per credere!».

ELOGIO DEL SOSPIRO - di Nicola Ambrosino

Lirica dedicata al nostro tipico "Sospiro biscegliese". Una delizia per il palato.

Se vieni a Bisceglie o qui capiti a tiro...

assaggia, assapora il nostro "Sospiro";

buon pan di spagna con cuore di crema,

con zucchero glassa a coprirne su il tema.

D'ogni sapore ne puoi ben trovare,

ai frutti di bosco, lo devi gustare;

ottimi son e d'eccelso livello...

quelli prodotti al caffè o limoncello.

Proprio il migliore, d'antica novella,

è il classico bianco, di forma a mammella;

ne mangiano gl'Angeli, su nel Paradiso,

assaggiane uno...e ti torna il sorriso.

Qual seno di donna, t'induce a tentare...

di porne le labbra al suo "vizio" e l'amare...

quel turgido petto di latte materno;

qual dolce letizia, che rimembra l'Eterno.

Il soave sapore, i profumi suoi intensi,

entreranno nel cuore, colpendone i sensi;

all'istante, poi lesto, ti farà sospirare...

per gustarlo di nuovo... e a Bisceglie tornare.

Lascia il tuo commento
commenti