L'evento

Prima edizione del Premio Nazionale Don Uva, tra musica, parole e solidarietà​

Un appuntamento nel segno della condivisione dei principi che da sempre hanno ispirato l'opera di Don Pasquale rivolta agli  ultimi e ai più deboli

Attualità
Bisceglie lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Prima edizione del Premio Nazionale Don Uva
Prima edizione del Premio Nazionale Don Uva © n.c.

Grande successo per la prima edizione del  Premio Nazionale Don Uva consegnato sabato sera a Trani in piazza Duomo durante un evento tra musica, parole e solidarietà. Una serata di gala suggestiva e ricca di emozioni, presentata da Beppe Convertini e Alfredo Nolasco con tanti ospiti che sul palco  hanno incorniciato un appuntamento nel segno della condivisione dei principi che da sempre hanno ispirato l'opera di Don Pasquale Uva rivolta agli  ultimi e ai più deboli. Il premio, ideato ed organizzato dalla Fondazione Seca in collaborazione con Universo Salute è stato consegnato a  monsignor Riccardo Battocchio, rettore dell’Almo Collegio Capranica di Roma, il collegio dove ha studiato Don Pasquale Uva.  A premiarlo, l’AD di Universo Salute il dottor Paolo Telesforo: “Questo premio - ha spiegato - è dedicato a Don Pasquale Uva per celebrare la sua importante missione a benefico degli ultimi e tra gli ultimi ai quali ha dedicato grandi opere oltre che tutta la sua vita”.

Ad illustrare il premio, il cavalier Natale Pagano della Fondazione Seca che ha ideato la scultura di bronzo raffigurante il busto di Don Uva: "Il bronzo è un metallo utile che resiste nel tempo. L'ulivo è il simbolo della nostra terra, un albero secolare così come secolari sono le opere realizzate da Don Pasquale Uva. Nasce da questi presupposti il premio che racchiude tutti i valori e i principi che hanno guidato da sempre la vita di don Pasquale e che ogni anno consegneremo a personalità che si sono contraddistinte nell'ambito del sociale e della solidarietà".

Tanti gli ospiti che si sono avvicendati sul palco: Fausto Leali, Luisa Corna, Ron, il tenore Aldo Caputo accompagnati dall’Orchestra giovanile della valle d’Itria diretta dal maestro Antonio Palazzo, con la voce narrante di Sebastiano Somma hanno accompagnato il pubblico in un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta della figura di don Pasquale Uva attraverso i suoi scritti, la sua storia e i suoi  valori.

Si chiude così, con una grande festa che ha coinvolto tutta la città di Trani e non solo, la rassegna Fuori Museo che quest’anno ha visto davanti alla Cattedrale esibirsi nomi importanti della musica leggera italiana e dello spettacolo tra cui Gianna Nannini, Samuele Bersani ed Enrico Brignano. L’appuntamento è ora al prossimo anno, quando si festeggeranno i 100 anni dell'Opera Don Uva.

Lascia il tuo commento
commenti