La storia

​Una attrice biscegliese con due film alla Mostra del Cinema di Venezia

Federica Torchetti si racconta e annuncia: presto protagonista di una fiction su Mediaset

Attualità
Bisceglie venerdì 10 settembre 2021
di Pinuccio Rana
Federica Torchetti si racconta
Federica Torchetti si racconta © n.c.

Presentare quasi in contemporanea due film alla Mostra del Cinema di Venezia: protagonista una attrice biscegliese di 26 anni, Federica Torchetti.

La prima pellicola è "La scuola cattolica", film di Stefano Mordini presentato fuori concorso; il secondo è "Mondocane" di Alessandro Celli presentato alla 36esima settimana della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia.

Insomma, un vero e proprio trionfo per la giovanissima attrice biscegliese che si è raccontata così:

«In realtà fare l’attrice per me non è stato un sogno che é sempre esistito: Certo, da ragazzina mi divertivo a interpretare altri personaggi, mi piaceva fare le imitazioni. Ma avrei voluto fare altro.

Tutto è iniziato quando nel 2014 c’è stato il film "La Scelta" di Michele Placido, girato a Bisceglie e ho partecipato come semplice comparsa. Di lì ho capito che tutto quello che c’era dietro la macchina da presa e oltre mi attirava. Allora a 19 anni ho deciso di trasferirmi a Roma. Sapevo che per  fare questo mestiere avrei dovuto studiare e magari frequentare una di quelle scuole che rientrano nel novero delle migliori in Italia.

Dopo una serie di tentavi in varie scuole, sono stata ammessa alla Gian Maria Volonté, scuola gratuita a Roma, dove ho passato una selezione di circa 800 persone e sono rientrata tra le 7 meritevoli. Di lì è iniziato il mio percorso vero e proprio. Ho terminato la scuola solo nel 2019 ed ho iniziato a fare dei veri provini per film serie ecc.... 

Nell’ottobre del 2019 partecipo al documentario Santa Subito di Alessandro Piva (vincitore del festival del cinema di Roma) dove interpreto vocalmente  tutte le lettere di Santa Scorese. Nello stesso mese partecipo al provino per il film "L’ultimo paradiso”. Un provino durato circa un'ora con la presenza del regista Rocco Ricciardulli, con cui ho trovato sin da subito una forte empatia. Di lì a poco mi confermeranno il ruolo. Ed ecco che arriva la mia prima vera esperienza cinematografica sul set (nel 2016 ho partecipato ad una docu-fiction chiamata “Varichina” di Antonio Palumbo e Mariangela Barbanente disponibile su Amazon Prime). 

Insomma, l’esperienza sul set è stata bellissima, mi sono trovata benissimo con Riccardo, Gaia e Antonio Gerardi (personaggi con cui ho recitato la maggior parte delle volte), e devo dire che sono stati tutti molto generosi con me. 

Nel Gennaio 2020 ho fatto un piccolo ruolo su un film cinese dal titolo “The italian Recipe” (che uscirà solo in Cina), e di li nonostante la pandemia ho iniziato a fare una serie di provini e a vincerli in parte. 

Nell’agosto 2020 ho girato “Mondocane” di Alessandro Celli, con Alessandro Borghi ambientato in una Taranto futuristica. Il mio personaggio è totalmente diverso dagli altri ruoli. Faccio parte anche del cast (anche se con un piccolo ruolo) della futura serie Netflix dal titolo “Zero”.

Nel ottobre 2020, invece, ho preso parte al film “La scuola cattolica” di Stefano Mordini, con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Valeria Golino, Valentina Cervi, Benedetta Porcaroli, Giulio Pranno, Fausto Russo Alesi e Fabrizio Gifuni. Il film è basato sul romanzo “La scuola cattolica” di Edoardo Albinati e si rifà ai delitti del Circeo del 1975. Sarò Rosaria, una delle due vittime della strage del Circeo. 

A Marzo infine inizieranno le riprese della prossima fiction targata Mediaset di cui sarò la protagonista, chiamata “Storia di una famiglia per bene” di Stefano Reali». 
 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • vincenzo Sasso ha scritto il 15 novembre 2021 alle 21:49 :

    complimenti ti faccio per onore che porti alla citta di Bisceglie Rispondi a vincenzo Sasso

  • Isabella Belgiovine ha scritto il 10 settembre 2021 alle 10:52 :

    Ti faccio tantissimi in bocca al lupo e complimenti da tua con cittadina Rispondi a Isabella Belgiovine