L'incontro

Federlegno-Arredo, il futuro delle imprese del Made in Italy

All'assemblea nazionale ha partecipato anche Mauro Mastrototaro della F.lli Mastrototaro & Co. Srl di Bisceglie

Cronaca
Bisceglie sabato 15 giugno 2013
di La Redazione
L'assemblea Federlegno a Milano
L'assemblea Federlegno a Milano © n.c.

Anche quest’anno, in occasione dell’Assemblea Generale, il Presidente della Federlegno-Arredo, Roberto Snaidero, e il Direttore Generale, Giovanni De Ponti, con il consueto slancio hanno dato vita al Forum2 presso il MI.Co. - Milano Congressi - dove hanno proposto una serie di workshops quasi tutti trasversali ai settori di Legno/Arredo cui hanno partecipato alcune migliaia di imprese italiane.

Un’occasione per affrontare le problematiche che incontrano tutti gli stakholders delle aziende del settore ed in particolare alcune riflessioni che riguardano: il futuro delle imprese del Made in Italy, il ruolo ha ora o potrebbe ancora avere, il design come driver dell'innovazione nel sistema Legno-Arredamento e i modelli della nuova “governante”, il superamento della logica “Closed Innovation” che spesso domina nella cultura della maggioranze delle imprese.

Il Forum del 13 giugno è partito con la sessione plenaria dedicata a “Le Eccellenze dell’Italianità” rivolto non solo agli Imprenditori, ma anche ai CEO (Chief executive officer), agli AD (Amministratori Delegati), ai Direttori Marketing, Direttori Commerciali, Direttori di Comunicazioni. Un incontro che ha fatto emergere le esperienze di uomini e di imprese che hanno creato ed esportato l’eccellenza dell’Italia con una visione di sistema e dai quali sono state tratte le conoscenze di come penetrare in nuovi mercati.
Gli incontri hanno sviluppato le più svariate tematiche, dall’Economia Comportamentale ai Mercati Esteri, dalla Politica Industriale del mobile/arredo alla “Due Diligence Legno” che regola l’utilizzo del legno e prodotti da esso derivati, dal Rapporto tra Felicità e Produttività in Ufficio alla Crescita delle Imprese.

Il workshop interamente dedicato agli Imprenditori Pugliesi ha visto la gradita presenza del Governatore della Regione, Nichi Vendola, e del Direttore Generale Puglia Sviluppo, Antonio De Vito.

Il Presidente Vendola ha illustrato con molta dovizia il suo impegno politico-amministrativo che lo ha visto protagonista nelle scelte degli strumenti messi a disposizione degli imprenditori. Un vero modello che è stato, alcuni giorni fa in TV, apprezzato da un suo omologo del Nord-Est italiano.

Un modello che consiste nell’attrarre investimenti assicurando procedure di accompagnamento delle imprese, attraverso incentivi messi  a disposizione dalla Regione Puglia in un tempo massimo che non superi sei mesi. “Iniziative che si aggiungono all’Accordo di Salotto del distretto murgiano, chiuso dopo sette anni a causa “della distrazione dei governi”, ha precisato il Governatore Vendola.

Un elemento di vanto, ripreso e sottolineato dal Direttore di Puglia Sviluppo, Antonio De Vito, che molto esaustivamente ha esposto e commentato i vari piani operativi disposti dalla Regione Puglia per facilitare la richiesta di finanziamento delle aziende in proprio, in forma consortile e di filiera.

All’incontro ha preso parte anche l’assessore regionale allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Loredana Capone, e imprenditori con incarichi istituzionali della Federlegno, tra cui Mauro Mastrototaro della F.lli Mastrototaro & Co. Srl di Bisceglie, Nicola Palasciano della Nicoline Salotti spa di Altamura, Guido Santilio del Consorzio Capolavori Italiani di Bari e Paolo Papagni, Segretario Generale del Consorzio Conapil.

Lascia il tuo commento
commenti