Il fatto

Rifiuti, a Bisceglie proseguono a pieno regime i controlli

Appello del Sindaco Angarano e dell’Assessore Naglieri a collaborare insieme per una città più pulita, bella e accogliente e per salvaguardare l’ambiente

Cronaca
Bisceglie mercoledì 21 luglio 2021
di La Redazione
Rifiuti, a Bisceglie proseguono a pieno regime i controlli
Rifiuti, a Bisceglie proseguono a pieno regime i controlli © n.c.

Continuano a pieno ritmo le attività volte al miglioramento quantitativo e qualitativo della raccolta differenziata nonché alla tutela del decoro urbano programmate dall’Amministrazione Comunale di Bisceglie in collaborazione con Energetikambiente-Pianeta Ambiente, gestore del servizio di igiene urbana. Numerose le iniziative avviate già nelle scorse settimane: nuovi opuscoli informativi sulla raccolta differenziata a disposizione dei cittadini, nuove postazioni di conferimento rifiuti differenziati nei punti di accesso alle spiagge lungo la litoranea, massiccia campagna di sensibilizzazione sull’abbandono dei rifiuti che proseguirà tutta l’estate e attivazione dei presidi informativi presso Centri comunali di raccolta, isole ecologiche, condomini e residence.

Tra le attività proseguono anche i controlli sul conferimento dei rifiuti svolti dagli operatori della raccolta in collaborazione con gli agenti di Polizia Locale. Le operazioni consistono nella puntuale ispezione di sacchi e mastelli che permette di valutare la corretta separazione dei materiali contenuti al loro interno e, in caso di irregolarità nei conferimenti, di apporre il bollino rosso per segnalare l’anomalia e risalire al responsabile per il sanzionamento.

In queste ore molti controlli hanno rilevato un’elevata presenza di carta, cartone e plastica nella raccolta del secco residuo (cosiddetto ‘indifferenziato’)”, ha sottolineato Gianni Naglieri, Assessore all’igiene urbana del Comune di Bisceglie. “In molti sacchi della raccolta del secco sono stati ad esempio ritrovati imballi plastici come vaschette e contenitori in plastica per alimenti e piatti in plastica monouso. L’errore probabilmente nasce dalla convinzione che questi oggetti debbano essere lavati prima di essere conferiti nella raccolta degli imballaggi in plastica e vengono quindi, per questo motivo, gettati nella raccolta del secco. In realtà imballi in plastica come, ad esempio, i vasetti dello yogurt o i piatti monouso non vanno lavati per poter essere gettati nella raccolta differenziata della plastica ma sicuramente non devono contenere avanzi di cibo. Anche i cartoni della pizza possono essere gettati nella relativa raccolta differenziata della carta purché non contengano evidenti avanzi di pizza o condimenti. Inaccettabile invece che ancora oggi alcuni utenti gettino via il vetro dentro ai sacchetti in plastica andando così a compromettere la qualità dei materiali raccolti. Se vogliamo salvaguardare la bellezza del nostro territorio e preservarlo dobbiamo produrre meno rifiuti e riciclare il più possibile”.

“Stiamo continuando a mettere in campo tutte le iniziative possibili, agendo su più fronti, per avere una città più pulita, bella e accogliente e per salvaguardare l’ambiente”, ha aggiunto il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. “I temi del riciclo e del riuso, dall’ecosostenibilità, dalla chiusura del ciclo dei rifiuti sono collettivi e riguardano non più solo il nostro futuro a lungo termine, ma il nostro presente. Una sfida che dobbiamo affrontare e vincere insieme, con sensibilità, amore per la nostra Città e rispetto per l’ambiente”.

Le informazioni sul servizio e sulle modalità di separazione dei rifiuti sono disponibili sul sito web di Energetikambiente (www.energetikambiente.it) e del Comune di Bisceglie (www.comune.bisceglie.bt.it), sulle app Eco 2.0 e Municipium e presso l’infopoint Energetikambiente di Via Stoccolma 7.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • GENTILE LUIGI ha scritto il 23 luglio 2021 alle 13:41 :

    Tutti i proclami son validi,però se vediamo il contro è ben altro.Da quando facciamo la differenziata,le tariffe aumentano invece di diminuire,e dire che carta,vetro plastica ecc.la vendono e i soldi che fate?assunzioni farlocche di gente a non far nulla.Nella strada dove abito non è mai passato ne un operatore(spazzino)e ne una macchina a pulire,tanto c'è il vento che provvede.Sempre nella stessa strada c'è un avvallamento dell'asfalto di 30 cm,prima o poi qualche macchina sprofonda con le persone dentro.Il comune ha detto che ha ben altro da fare,che vergogna,vai così che vai bene sindaco. Rispondi a GENTILE LUIGI

  • VINCENZO TATTOLI ha scritto il 22 luglio 2021 alle 10:55 :

    E' LA SOLITA PUBBLICITA'. VI DOVETE SOLO VERGOGNARE, Rispondi a VINCENZO TATTOLI

  • COSIMO DE BARI ha scritto il 22 luglio 2021 alle 08:58 :

    Praticamente dobbiamo essere i differenziatori a titolo gratuito, ma con la spada di Damocle di una ammenda nel caso dovessimo sbagliare in buona fede, ma con la Tari che è un botto di soldi ogni anno con qualsiasi amministrazioni ci si ritrovi e con il livello differenziato che aumenta sempre più verso il meglio.. Che volpini che siete, riuscite pure a fare la paternale velatamente minacciosa. Rispondi a COSIMO DE BARI