​Agevolazioni per interventi di efficientamento energetico nelle PMI

Riada Partners Consulenza commerciale/legale
Bisceglie - martedì 29 agosto 2017
© n.c.

Con l’obiettivo di rendere le imprese pugliesi più competitive, è stato avviato il nuovo bando del Titolo VI della Regione Puglia “Aiuti per la tutela dell’Ambiente”, il quale prevede agevolazioni destinate a coprire il 100% delle spese per gli interventi di efficientamento energetico nelle PMI. Con questo strumento si intende aiutare le imprese ad abbattere una delle voci di spesa più onerose, rappresentata appunto dall’energia ed, allo stesso tempo, tutelare l’ambiente riducendo i consumi e dunque le emissioni di carbonio.

La presente procedura si rivolge alle microimprese, alle imprese di piccola dimensione ed alle medie imprese che intendono realizzare una iniziativa di efficientamento energetico in un'unità produttiva rientrante nell’ambito di uno dei codici Ateco ammissibili nei settori dell'industria manifatturiera, del commercio e del turismo.

Si deve prevedere una spesa complessiva non inferiore ad Euro 80.000,00 per unità locale e conseguire un risparmio di energia pari ad almeno il 15%. Nello specifico sono ammissibili interventi di: efficienza energetica; cogenerazione ad alto rendimento; produzione di energia da fonti rinnovabili.

Al fine di attuare uno dei tre interventi ammissibili, le imprese potranno sostenere spese per opere murarie strettamente connesse ed indispensabili all'installazione degli impianti e macchinari per il progetto di efficientamento energetico; acquistare macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica; sostenere spese di progettazione ingegneristica (per la redazione del progetto tecnico) e di direzione lavori nel limite del 5% dell’investimento ammissibile, e spese per la redazione della diagnosi energetica ex ante e della relazione finale dei risultati conseguiti, nel limite dell’1,5% degli investimenti ammissibili e con un massimo di 10.000 euro.

La procedura prevede una copertura finanziaria del 100% delle spese e le agevolazioni saranno calcolate, indipendentemente dall’ammontare del progetto ammissibile, sull’importo massimo di € 4.000.000 per le medie imprese e di € 2.000.000 per le piccole e micro imprese.

La copertura finanziaria del piano di investimento finanziato dalla misura è prevista nelle seguenti percentuali:

- 35% mutuo a carico del Fondo Efficientamento Energetico Mutui;

- 30% sovvenzione diretta (contributo a fondo perduto);

- 35% mutuo a carico della banca finanziatrice.

Inoltre, le imprese beneficiarie in possesso del rating di legalità beneficiano di una ulteriore sovvenzione diretta, nella misura del 2% dell’importo del finanziamento erogato dall’Intermediario Finanziario all’impresa beneficiaria.

Altri articoli
Gli articoli più letti