Periodo aragonese

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

La città
a cura di Mariella Nanna
Approfittando dell'ennesima crisi interna del regno angioino, Alfonso V d'Aragona nel 1442 conquistò il potere annientando definitivamente gli Angioini. Tuttavia la conquista della Puglia non fu facile per i nuovi dominatori a causa della fedeltà di molte città, fra cui Bisceglie, agli Angioini. Bisceglie infatti divenne uno dei più vivaci centri di resistenza angioina, ma dura fu la repressione degli Aragonesi nei confronti della città ribelle. I fermenti non si placarono neppure sotto Ferdinando I d'Aragona. Il feudo di Bisceglie venne affidato a Giovanni Antonio Del Balzo Orsini , il quale, intollerante verso la politica aragonese che privilegiava i piccoli proprietari terrieri a scapito dei feudatari, si coalizzò con altri baroni contro il re avvalendosi dell'aiuto di Giovanni d'Angiò, duca di Calabria.

Sanguinose guerriglie dilaniarono la Puglia fino al 21 settembre 1462, quando fu firmato un accordo tra Ferdinando d'Aragona e i Del Balzo Orsini. L'accordo prevedeva che, in cambio del giuramento reso alla corona, venissero riconfermati tutti i titoli e privilegi di cui Bisceglie beneficiava prima della guerra (detenzione di un corpo di guardie campestri, elezione dei pubblici ufficiali, esenzione dalle tasse al 50% come risarcimento per i danni subiti nelle ultime guerre). Nel 1466, la lunga lotta tra l'Università (cioè il Comune) e il clero locale per l'abolizione di alcuni privilegi ecclesiastici in materia fiscale sfociò in una Conversione; ma, inaspritisi di nuovo i rapporti tra le parti, la città fu colpita dall'interdetto del papa Leone X, che pose fine ai contrasti.

Durante il regno di Ferdinando d'Aragona fu avviata un'intensa opera di restauro ed abbellimento della città. Fu realizzata una nuova opera di fortificazione secondo i più aggiornati requisiti strutturali. Pertanto la nuova cinta muraria era più alta e più robusta di quella esistente, risalente ad epoca normanna, non solo per soddisfare le esigenze di difesa in un periodo di forti contrasti interni e di continue minacce esterne, ma anche per rispondere alla sostanziale trasformazione che investe l'assetto territoriale di Bisceglie alle soglie del XVI sec. La città infatti si presenta delimitata da un circuito a forma di esagono irregolare, rinforzato da torrioni angolari (oggi sono visibili i torrioni dell'Abisso, di Schinosa, di S. Angelo), con due sole porte di accesso principali, poste sull'asse est-ovest: la Porta di Zappino e la Porta di Mare (oggi murata). Inoltre la necessità di spostare i cannoni da un torrione all'altro rese necessaria la costruzione di fasce libere sopra la murazione. All'esterno della cinta muraria, nei pressi della Porta di Zappino, si costituì un vasto spazio, privo di vegetazione e circondato da orti, adibito alla sosta dei cavalli e a cava di pietra. Tale spazio, denominato “ Palazzuolo ” forse per la presenza di un palazzo degli Schinosa sito al margine sud-ovest dell'area, fu donato al Comune nel 1478 dal re Ferdinando e rimase per sempre inedificato, assumendo il ruolo di cuore urbano della città.

Numerose furono pure le opere realizzate per volontà del conte Francesco II Del Balzo , feudatario di Bisceglie: il restauro degli altari della Cattedrale; la riesumazione delle reliquie dei Santi protettori di Bisceglie (1475), che furono sistemate in un'unica urna di cipresso; la costruzione di un convento francescano presso la chiesa di S. Lorenzo.

Al conte Francesco II successe il figlio Pirro, che, coinvolto nella congiura dei baroni contro il re, perse il feudo di Bisceglie, che da contea si trasformò in marchesato , assegnato dal re Ferdinando al figlio Francesco e dopo la morte di quest'ultimo al fratello Federico. Questi, succeduto al padre Ferdinando, rese Bisceglie autonoma e libera da ogni vincolo feudale.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bisceglie

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno