Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

Abbréle, nan te cangiò mènghe ne péle.


Ad aprile, non cambiare neanche un pelo.

A chère, nan le fòce nè fridde é nè calde.


Non gli fa ne freddo e ne caldo.

Achìude redd'ócchiere e veve acete.


Chiudi gli occhi e bevi aceto.

A case mè chióve, ma a caste fòce la granenéite.


Se a casa mia non ci sono i soldi, a casa tua non ce ne sono affatto.

Acque ca nan à fatte ngéile sta.


L'acqua che non è piovuta in cielo sta.

Acque de céile nan guaste méire.


La pioggia non guasta il vino.

Acque e mourte, rète a la pórte.


Pioggia e morte sono dietro la porta di casa.

A Criste dé: «Fa' chióve?»


A Cristo chiedi di far piovere.

A ditte Garibalde: «Sóp'a cure mitte u alte».


Ha detto Garibaldi: «Sopra quello metti l'altro».

A dó arréve, chiénde u zippe.


Dove arrivi, pianta il fuscello.

A dò mèngene dìue, ne mèngene trà.


Dove mangiano due persone, possono mangiare anche tre.

Aguste, mèneche o buste.


Ad agosto, maniche rimboccate fino al busto.

A la mourte a ssoule nan s'acchie la rette.


Solo alla morte non v'è rimedio.

A la mourte nan sta ètoie.


La morte non ha età.

Allègre de chiazze e trovue de còse.


Allegro di piazza, irritato dii casa.

Almene m'avete dece na rekme ètèrne a quanne so maurte.


Fatenti almeno una preqhiera quando sarò morto (detto dai genitori ai figli).

Amàre a ci sta seggétte o U alte!


Misero chi è soggetto agli altri!

Ambore l'arte e mittle da parte.


Impara l'arte (un, mestiere) eìnettita da parte.

Améce che tutte, e fedèle che nescìune.


Amico con tutti e.fedele con nessuno.

Amèce e chembòre, parlèmece chiòre.


Amici e compari, parliamoci chiaro.

Aminue de scennère nan tràsene nd'o panare.


Mandorle di gennaio non. riempiono il canestro.

A nà vènne ava fa nótte.


In un luogo qualsiasi deve annottare.

Andrà a 1'askiure nan parà, parà alla ponde ponde e Andrà u vagabonde.


Andrea al buio non si vede, si vede poco poco e Andrea è un vagabondo.

A pèrse re péchere e vè trevènne la lane (A pèrse re vacche e vè acchiènne re córne).


Ha, perso le pecore e va cercando la lana (Ha perso le vacch,e e va cercando le corna).

Arruste, arruste! A mangiò te vène u guste, a pagò te vene la suste!


Arrosto, arrosto! A mangiare ti viene gusto, a pagare ti viene rabbia.

A San Feléce, pe fo' u chelòmmne, mitte u preféce.


A S.Felice levi i fioroni e metti il caprifico.

A San Frangische, re fòve ind'o canistre.


A.San Francesco, il contadino porta le fave nel canestro.

A scéirne e nepìute, ciò chè fa tutt'è preddìute.


A generi, e nipoti, ciò che ,fai di bene viene dimenticato.

Assaie che te ne mange de mèle é ceràse, povre a chèra panze che pàine nan trase.


Niente sazia come il pane

A totte re cause s'acchie la rètte.


A tutte le cose si trova un rimedio.

Attacche u ciucce a do vole u patriune.


Anche se uno cosa non è giusta la, dcvi, fare perché l'’ha detta il padrone (titolare)

Atténde quanne v'accasote, cure è u punde che se nasce e iuznire.


Fate attenzione quando vi dovete sposare, perché è una questione importante

Ava scc iéilte u cappéidde rèt'o chezzétte!


Deve andare alto il cappello dietro la nuca.

Carna triste, na la vóle Criste.


Carne malvagia, non la vuole neanche Cristo.

Casa a térra chiane, tràsene póurce e tràsene cane.


Nelle case a pianterreno, entrano maiali e cani.

Ce ariatiure ché tèine, ma ce tu méine u véinte!


Quante arie ti dai ma chi ti mena il vento!

Ce fòce speranze d'alte è mal cambò.


Chi vive di speranze altrui vive male.

Ce fòce bène aspétte bène ce fòce male aspétte male.


Chi fa bene riceverà, bene, chi fa male riceverà.

Ce iaie de bène falle cantò, ce iaie de male falle sckattò.


Se parlano bene, falli parlare, se parlano male falli crepare.

Ce la fatéghe ère bóne, se vennaie a la speciaréie.


Se il lavoro era, buono, si comprava alla farnzacia.

Ce lasse la strade vécchie e pigghie la nove sope cè lasse e nan sope c'è trouve.


Chi lascia la strada vecchia e prende una nuova via, sa quello che lascia ma non sa quello che trova.

Ce mangéime iòsce? Grazie de Deie cotte o fàuche.


Che si mangia oggi,? Cibo di Dio cotto sul, fuoco.

Ce méinge la favètte, te ngrosse u chezzétte.


Se mangi le fave secche, ingrossa la nuca.

Ce mèrze te re vóle fò, re dugne de re mane te re fòce cenguò.


Se marzo vuole, le unghie delle mani te le fa gelare.

Ce nana acceitte, nan mèrete.


Chi non accetta non merita.

Da do léive e nan mitte, pòre u pizze.


Se logli soldi e non li rimetti, trovi il vuoto.

Da ne baune maéstre iésse ne baune descèple.


Da un buon maestro esce un buon discepolo.

Dece seirnbe sene e néune come u pepazze de Mimì Briune.


Dice sempre sí e no come il pupazzo nel negozio di liquori, di Mimì Bruni (all'incrocio tra via Imbriani con Piazza Vittorio Emanuele).

Dimme a ci si figghie e te deche a ci assemigghie.


Dimmi a chi sei figlio e ti dico a chi somigli

Disse Precenèlle: «Pe le terrese ca nan téinghe, me ne pérde de mangià boune!”


Disse Pulcinella: “Per i soldi che non ho, me ne perdo di buone mangiate!”

Dòn Cicce, allunghe u passe! Néinde cazze, cusse è u passe!


Don Ciccio, allunga il passo! Nient’affatto, questo è il mio passo!

Dóppe trènd énne, scé u scerócche a Tréiste.


Dopo tren.t'anni, soffiò lo scirocco a Trieste

E c'è da cuchue chè u scazze é u mèrule o furne?


Non è tutto semplice come fare una focaccia, la schiacci e la mandi al forno.

E c'è te méinge, sckaffiune o furne.


E cosa ti mangi, pasta grosa al forno

Febbròre, attoppe ed appore.


A febbraio, ammucchia e spiana.

Fd bène e scordatinne, fò male e péinze.


Fai del bene a scordartene, fai del male e pensaci.

Fò come facene lore acchesseie nan sì ne lodote e mènghe rasciute.


Comportati nello stesso modo in cui loro si comportano con te.

Frische de rècchie a mane mènghe core frènghe, frische de rècchie a mane rètte linguae malditte.


Fischio di orecchie sinistro stanno parlando bene, fischio di orecchio destro stanno parlando male.

Gaddéna vécchie fòce 1'óuve bóune


Gallina vecchia fa buon brodo.

Giuénne nan avè nate, e la mèmme u scè nzerènne.


Giovanni non era ancora nato, e la madre già gli cercava la moglie.

La ne cristiane fa-fàuche.


È una persona risoluta.

Le soche ie, ti si ti, c'ià u chiù féisse de tutte e déue?


Io sono io, tu sei tu, chi è piú fesso di tutti e due?

La cammése che te vè strètte nan te la si mettènne.


La camicia che ti va stretta non indossarla.

La cause chè se vade nan c'è besougne de mette l'occhiole.


La cosa evidente non ha bisogno di spiegazioni.

La carne dóle all'òusse.


La carne arreca dolore all'osso.

La cause chè te schembede la sia lo appreme.


La cosa che non vuoi fare, la devi fare prima.

La chescénze se semenaie e nan asse.


La coscienza si seminò, ma non germogliò.

La mala nettòte e la figghia fèmene.


La brutta nottata è inutile se nasce una figlia femmina.

La morte è cèrte, ma nan se sòpe quènne.


La morte è sicura, ma non si sa quando.

La parole chè nan ésse do dènde, na la sòpe la gènde.


La parola che non esce di bocca non la conosce nessuno.

La rasciaune se dè a le féisse.


La ragione si dà ai fessi.

La rècchie du merchènde.


Persona che fa, finta di ascoltare.

L’ulteme ad arrevoie fu ghèmma corte


L’ultimo ad arrivare fu gamba corta

Mangiénne mangiénne vène u'appetete.


Mangiando mangiando viene l'appetito.

Mazze e panèlle facene le figghie bèlle, pàine senza mazze facene le fig¬ghie pazze.


Mazzate e pane fanno i figli belli, pane senza mazzate fanno i figli pazzi.

Mégghie ferete ca muerte.


Meglio ferito che morto.

Mèssa speranzòte se chènde a glórie.


Le cose meno sperate riescono meglio.

Nan cercò e nan refetò.


Non chiedere niente e non rifiutare se ti offrono qualcosa.

Nan se pote dece male de la notte ce nan foce de.


Non puoi giudicare una cosa se non la fai terminare.

Nesciuna carne avènze a la vecciaréie.


Quasi tutte le ragazze trovano marito.

Nove mése, nove vése.


Nei primi nove mesi di vita, i neonati cambiano nove visi.

Occhie de gatte allicca piatte.


Chi ha gli occhi chiari fa la scarpetta.

O chióve o nèveche, marìteme è nachiéire.


O piove o ncvica, rnzo inar-ito ha unn lavoro sicure (fìrxn-toiano) e una buana paga.

Ogni deie fòce nótte.


Ogni diventa notte.

Ogni lassote è perdiute.


Ogni lasciata è persa.

Oh Signore Deie u pagghiore s’ardeie.


Oh Signore Dio il pagliaio si bruciò.

Oucchie male vade e racchie male séndene.


Occhio mal ci vede e orecchie mal ci sentono.

Padre, figghie e spirete sènte, demaunie sciotavinne da nènze.


Detto quando non si riesce a trovare qualcosa, facendo il segno della croce e incolpando il diavolo.

Pane de fròte, pane despròte; pane de sóre, pane de córe.


Pane di fratello è pane disperato; pane di sorella è pane offerto col cuore.

Pane e còse, nan ze dìcene le fatte de còse.


Pane e casa non si dicono i fatti di casa.

Pecchére u zappature nan passe béne, che doppe mangiote a cacò le tène.


Il contadino non vive bene, perché subito dopo mangiato va al bagno.

Picche énne, picche peccote.


Chi muore giovane ha pochi peccati da giustificare al Signore.

Pigghiéte u téimbe de la córte.


Detto di persona che per fare una cosa si prende troppo tempo, come il tribunale.

Pure re sòle, fòce le véirme.


Anche il sale fa- i venni.

Povre a ce te vegghie ngoudde.


Povero a chi ti vuole male.

Quande chiù picche seme, chiù mégghie pareme.


Quanto piú pochi siamo, meglio sembriamo.

Quanne à ditte nègghie, nègghie ià.


Quando ha detto di no, no è.

Quanne la gatte nan ge stà, le surge abbàllene.


Quando non c'è la gatta, i topi ballano.

Quanne la pènze sta vacande mènghe se rede e mènghe se chiange.


Con la pancia vuota né si ride né si piange.

Quanne u diabbue t'accarèzze, vóle l'èneme.


Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.

Quanne u maréte è provéidde, mènghe la megghière u póte veda.


Quando il marito è povero, neanche la moglie lo può vedere.

R'affatte mamme e r'affàtte la zie vogghic isse accese ce nan re fazze ie.


L’ha fatto la mamma l’ha fatto la zia voglio essere uccisa se non lo faccio anch’io.

Re case taie so totte iove a do rosse.


Le cose tue sono tutte speciali.

Re chiacchiére nan égnene la pènze.


La chiacchiere non saziano.

San Giuènne, quande aminue si fatte o u ènn?


San Giovanni, quante mandorle hai fatto in quest'anno?

Scennàre nan mine inde o panère.


A gennaio non si raccoglie niente.

Sciugne scéitte tutte.


Giugno getti tutto.

Se la feccote inde a re d'occhiere.


Se l'è ficcata negli occhi.

Sè mése è u véirne e sé mése è l'èstòte.


Per chi è superficiale, non ci sono problemi di scadenze.

Sparègnete u fiote pe quante moure.


Risparmia il fiato per quando muori

Stizzeche fisse ròmbe u sasse.


Goccia fissa rompe il sasso.

Stringe alla gole e mitte a do ngevoule.


Risparmia a mangiare che ti avanza qualche soldo.

Tarde sia mangiò, ma sia mangiò baune.


Le cose fatte bene richiedono tempo.

Tène la facce du preme grode de la chiése grenne.


Tiene la faccia del primo gradino della chiesa grande.

Te si pouste come na zècche.


Detto a persona molto assillante.

U boune sciatte u troune.


L’uomo buono fa scoppiare il tuono.

U cane u pele chéinge ma nen u vizzie.


Il cane cambia il pelo ma non il vizio.

U figghie surde, la mèmme u ndénne.


Il figlio sordo è compreso solo dalla madre.

U mégghie amèce, la mégghie petròte.


Non fidarsi nemmeno del miglior amico.

U mégghie matrimonie è cure che nan ze fòce.


Il miglior matrimonio è quello che non si fa.

U meste d'asce aggiuste e sfasce.


Il falegname aggiusta e ricostruisce.

U mille novecentenove s'appecciò la via nove.


Il mille novecentonove s'accese la via nuova.

U maurte cu maurte, u véve cu véve.


Il morto vada con il morto, il vivo con il vivo.

U patrìune du ciucce vè all'appète.


Il padrone dell'asino va a piedi.

U petreséne se ficche ind'a tòtte re menéistre.


Il prezzemolo non manca in tutte le minestre.

Varche chè vònne e basteméinde che vénene.


Tutto ciò è indifferente.

Viòte ci tène n'óucchie e s'u ciàiche!


Beato chi ha solo un occhio e se lo acceca!

Voie che mò venghe e do me ntrattenghe.


Vai che mo vengo e la mi trattengo.

Vòtta peccenònne, méire bóune.


Nella botte piccola c'è il vino buono (inteso come donna bassa).

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bisceglie

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno