Il match

Pari con il Cosenza al Ventura, salvezza sempre più vicina per il Bisceglie

Gara senza reti e con pochissimi acuti, ma era fondamentale non perdere

Calcio
Bisceglie lunedì 12 marzo 2018
di Alessandro Ciani Passeri
Bisceglie calcio
Bisceglie calcio © Emmanuele Mastrodonato

Termina a reti bianche il match del "Ventura" tra Bisceglie e Cosenza, gara valevole per la 29° giornata del girone C di serie C. Gara senza reti e con pochissimi acuti quello vissuto sull´erba dell´impianto di via Carrara Salsello, con un punticino a testa per le due squadre che forse accontenta più il Bisceglie, al quarto risultato utile consecutivo, che gli ospiti, seppur i nerazzurri possono mordersi le mani per non aver sfruttato al meglio la superiorità numerica avuta per oltre mezz´ora a seguito dell´espulsione per doppia ammonizione di Dermaku.

Il punto guadagnato consente ai nerazzurri di mantenere l´ultimo posto utile per la zona Play Off, staccando di un punto la la Virtus Francavilla.Zona Play Out invece distante ben 8 lunghezze.

La formazione di mister Mancini, all´esordio ufficiale come tecnico, è ora attesa da un trittico di partite dall´alto tasso di difficoltà contro nell´ordine la 2°, la 3° e la 4° forza del torneo. Domenica insidiosissima trasferta contro lil Trapani mentre tre giorni dopo al "Ventura" arriverà il Catania.

La settimana si concluderà con la trasferta di Matera.

La cronaca:

Nessuna novità nell´undici iniziale per il Bisceglie che si affida allo stesso undici sceso in campo domenica scorsa a Rende. Nel Cosenza Piero Braglia si schiera con una difesa a tre e un centrocampo a rombo dove si è inserito Loviso a supporto della coppia Baclet-Perez.

La prima azione della gara arriva al 4´ quando la conclusione di Corsi viene ben disinnescata da Crispino.Il Bisceglie si riversa dalle parti di Saracco ed al 15´ sfiora il vantaggio con Risolo ma la conclusione non centra il bersaglio grosso. Capovolgimento di fronte sessantasecondi dopo, Perez supera Crispino con un lob, Markic respinge di testa quasi sulla linea. Gara abbastanza spigolosa, le due squadre non si risparmiano e sono diversi gli scontri "maschi" in campo. Al 27´ Loviso deve abbandonare il campo per un duro scontro di gioco (rottura della mandibola per lui, ndr). Al suo posto entra Palmiero.

Alla mezz´ora un tirocross di Giron crea grattacapi a Saracco costretto a rifugiarsi in corner.

Sette minuti dopo D´Ursi mette al centro per Jovanovic ma l´ariete nerazzurro viene anticipato da un difensore calabrese.

Il match, abbastanza soporifero, si chiude nella prima frazione sullo 0-0.

La ripresa riparte a ritmi blandi ma al 52´ il Cosenza rimane in dieci uomini a seguito dell´espulsione per doppia ammonizione rimediata da Dermaku, autore di un fallo su Jovanovic lanciato a rete. Sul calcio piazzato susseguente Saracco nega la rete a Montinaro rifugiandosi in corner. Al 60´ Azzi intercetta il passaggio di Montinaro ma la sua girata non centra il bersaglio grosso. Mister Mancini getta nella mischia Ayina e Prezioso al posto di Montinaro e Jovanovic con l´intenta di vincere la gara. All´80´ arriva una ghiottissima occasione per il Bisceglie con D´Ursi il quale lascia partire un tiro dalla distanza che impegna severamente l´estremo cosentino che è costretto a deviare in angolo.

L´ingresso in campo di Vrdoliak non sposta gli equilibri del match nei restanti minuti finali che vedrà solo un tentativo dalla distanza proprio del centrocampista croato che si spegnerà a lato.

BISCEGLIE-COSENZA 0-0

Bisceglie (3-5-2): 1 Crispino, 6 Jurkic, 7 D´Ursi, 9 Jovanovic (dal 72° 16 Prezioso), 10 Toskic (dall´83° 19 Vrdoljak), 13 Giron, 15 Delvino, 17 Montinaro (dal 72° 14 Ayina), 21 Risolo, 24 Markic, 25 Dentello Azzi. Allenatore: Gianfranco Mancini. A disposizione: 12 Vassallo, 2 Colella, 3 Russo, 4 Diallo, 5 Petta, 8 Pirolo, 11 D´Ancora, 23 Migliavacca, 22 Alberga.

Cosenza (3-4-1-2): 22 Saracco, 2 Corsi, 5 Idda, 7 Mungo (dall´81° 25 Tutino), 11 Perez (dall´81° 14 Okereke), 16 Baclet (dal 69° 33 Camigliano), 23 Calamai, 26 Loviso (dal 27° 6 Palmiero), 29 Pascali, 30 D´Orazio, 31 Dermaku. Allenatore: Piero Braglia. A disposizione: 1 Zommers, 10 Ramos, 15 Boniotti, 20 Trovato, 36 Braglia.

Arbitro: Gino Garofalo di Torre del Greco.

Assistenti: Francesco D´Apice e Michele Somma di Castellammare di Stabia.

Note: spettatori 979 di cui 530 abbonati. Incasso compreso quota abbonati € 7368,12

Osservato un minuto di raccoglimento in onore di Davide Astori, capitano della Fiorentina spentosi prematuramente sette giorni fa.

Ammoniti: Toskic, Mungo, Vrdoljak.

Espulsi: 36° Braglia allontanato per proteste, 52° Dermaku per doppia ammonizione. Calci d´angolo: 6-2.

Lascia il tuo commento
commenti