Nella 4° giornata del girone C di serie C, prima sconfitta per il Bisceglie calcio.

La sosta fa male al Bisceglie, il Catanzaro espugna il "Ventura"

Diversi episodi sfavorevoli condannano il Bisceglie alla prima sconfitta stagionale. Lugo sbaglia un rigore nel secondo tempo.

Calcio
Bisceglie domenica 17 settembre 2017
di Alessandro Ciani Passeri
Una fase di gioco di BIsceglie - Catanzaro
Una fase di gioco di BIsceglie - Catanzaro © felice nichilo

Arriva la prima sconfitta nel campionato di serie C per il Bisceglie che deve cedere le armi al Catanzaro.

Il Bisceglie "forse" paga a caro prezzo la sosta forzata della scorsa settimana, la quale probabilmente ha "spezzato" il buon momento di forma in cui versava la squadra di Zavettieri.Il Catanzaro da par suo, conquista il primo successo esterno della stagione, grazie a una prova cinica e concreta di una squadra che ha saputo sfruttare al massimo le piccole disattenzioni della formazione stellata.

Eppure il Bisceglie non aveva iniziato male, giocando un buon calcio e mantenendo il pallino del gioco fino all´infortunio accorso a capitan Petta, uscito anzitempo per problemi muscolari (nelle prossime ore si capirà l´entità dell´infortunio).La rete dell´ex Foggia Letizia, giunta alla mezzora con il Bisceglie in dieci uomini (Petta a bordocampo per i primi soccorsi), ha poi consentito ai giallorossi di controllare il match senza rischiare nulla.

Squadra aggressiva sui portatori di palla, schieramento ordinato e gioco di rimessa, le armi degli ospiti, capaci di sfruttare anche la prestazione sottotono di alcuni uomini chiave dei nerazzurri. Come un macigno è poi pesato l´errore dal dischetto di Lugo che avrebbe potuto portare al pari e che al contrario ha completamente tagliato le gambe ai locali poi colpiti nel finale dalla rete di Cunzi. Una sconfitta che ci può sicuramente stare visto il blasone dell´avversario, e che comunque deve essere da sprono per il proseguo del torneo. Questa è la serie C, un campionato in cui servirà sempre la massima concentrazione e determinazione se non si vuol essere castigati al primo errore.

Il tempo del pronto riscatto avverrà già Sabato prossimo, data in cui i nerazzurri ospiteranno l´altra neo promossa del girone Sicula Leonzio.

La cronaca:

Partipilo non al meglio si accomoda in panchina, mentre Migliavacca e Toskic non sono della contesa. Zavettieri si affida ad Azzi sulla corsia destra d´attacco, mentre nella retroguardia Petta viene schierato sull´out destro con Markic e Jurkic centrali e Giron a sinistra. Solito 4-3-3 per Zavettieri. Schieramento a specchio per gli ospiti allenati da Erra che lascia n panca l´esperto Gambaretti; in attacco Letizia Anastasi e Falcone. Ancora disponibili per infortunio Infantino, Icardi e Di Nunzio.Bisceglie subito aggressivo e molto propositivo soprattutto sulla corsia destra, dove i vari cross giunti per Jovanovic e Azzi non hanno portato a grossi grattacapi per Nordi. Al 20°, Falcone approfitta di una sbavatura difensiva e si porta nei pressi di Crispino; nell´occasione è monumentale Petta nel chiudere il varco sulla sua conclusione. Un episodio che però porta il capitano nerazzurro a dover uscire fuori dal campo per essere soccorso dai sanitari. Sfruttando la superiorità numerica nell´attesa del cambio, Letizia è lestissimo a recuperare palla in area girarsi e portare in vantaggio i suoi con una bella conclusione.La rete consente agli ospiti di chiudersi non consentendo ai nerazzurri di rendersi pericolosi.

Nella ripresa Erra chiede ai suoi un gioco più contratto e fatto di ripartenze. Al 53° Imperiale ferma in maniera irregolare Azzi ein area di rigore. Il direttore di gara concede il penalty che Lugo Martinez calcia rasoterra al lato del portiere calabrese. La rete incide in maniera devastante sul morale che non riescono più dettare il gioco e a creare azioni degne di nota. Zavettieri prova a cambiare passo ai suoi inserendo Mateas Delic, e successivamente Partipilo, Risolo e Diallo per Azzi, Vrdoljak e Giron, senza però riuscire a cambiare l´andamento della gara. E´ invece il Catanzaro, sempre in una azione di contropiede, a centrare una clamorosa traversa con Benedetti all´84°. In pieno recupero arriva il doppio vantaggio ospite che chiude definitivamente i giochi: il subentrato Cunzi, partendo da una posizione dubbia, si invola verso Crispino in disperata uscita, beffandolo con un pallonetto che si deposita in rete.

Il triplice fischio concede una vittoria tutto sommata meritata dei calabresi che così scavalcano in classifica proprio il Bisceglie.

TABELLINO: BISCEGLIE - CATANZARO 0-2

Bisceglie (4-3-3): 1 Crispino, 5 Petta (dal 30° Delvino), 6Jurkic, 9 Jovanovic, 13 Giron (dal 74° 4 Diallo), 16 Lugo Martinez, 17 Montinaro, 19 Vrdoljak (dal 74° 21 Risolo), 20 Boljat (dal 61° Delic), 24 Markic, 25 Azzi (dal 74° 7 Partipilo). Allenatore: Nunzio Zavettieri.

A disposizione: 12 Vassallo, 3 Raucci, 11 D´Ancora, 18 Gabrielloni, 22 Alberga.

Catanzaro (4-3-3): 1 Nordi, 6 Benedetti, 7 Zanini, 14 Riggio, 18 Letizia (dal 79° Cunzi) , 19 Onescu, 20 Spighi (dal 79° 11 Marin), 23 Sirri, 24 Imperiale, 27 Anastasi (dal 71° 5 Maita), 28 Falcone (dall´85° 26 Puntoriere).

Allenatore: Alessandro Erra.

A disposizione: 12 Marcantognini, 2 Nicoletti, 13 Gambaretti, 16 Marchetti, 21 Kanis, 22 Pellegrino, 25 Lucanovic.

Terna arbitrale: Daniele Paterna di Teramo (Andrea Micaroni di Chieti e Giuseppe Di Giacinto di Teramo).

Reti: 30° Letizia, 92° Cunzi.

Note: 1038 spettatori di cui 530 abbonati. Presente una rappresentanza calabrese di una cinquantina di sostenitori. Calci d´angolo: 2-5.

Ammoniti: 42° Letizia, Vrdoljak.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette