La richiesta

Bisceglie Calcio, il sindaco Angarano scrive a Figc e Lega Pro

l Primo Cittadino chiede la procedura avviata da Canonico, con la richiesta di cambio di denominazione, non venga consentita per mancanza dei presupposti etici e giuridici

Cronaca
Bisceglie mercoledì 18 luglio 2018
di La Redazione
Angelantonio Angarano
Angelantonio Angarano © Stefano Napoletano

Ieri il sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano ha inviato una lettera a Roberto Fabbricini, Commissario Straordinario della Figc, e, per conoscenza, a Gabriele Gravina, Presidente della Lega Pro.

Di seguito il testo integrale della missiva:

“Il presidente del Bisceglie Calcio, Nicola Canonico, come ha egli stesso dichiarato in prima persona, ha cambiato ragione sociale, sede e colori sociali della società calcistica “A.S. Bisceglie Srl”, chiedendo alla Figc il cambio ufficiale di denominazione. Questo è accaduto a totale insaputa dei cittadini biscegliesi, dei tanti tifosi e dell’Amministrazione Comunale. Le scrivo, quindi, per sottolineare che non condividiamo affatto il percorso che è stato intrapreso. Non riteniamo giusto e corretto che la storia ultracentenaria del Bisceglie Calcio, fondato nel 1913 e portato avanti grazie al sacrificio e alla passione di tanti biscegliesi, dai presidenti ai dirigenti, dai calciatori agli allenatori, dai collaboratori ai tanti affezionati tifosi, possa essere cancellata in poche ore, senza alcuna condivisione da parte della città e dell’Amministrazione Comunale”.

“Questa operazione è stata confermata lunedì 16 luglio nel corso di trasmissioni televisive e radiofoniche: il tutto, peraltro, senza considerare che Bisceglie e Bari non siano comuni confinanti (Articolo 18, comma 5, sub. 2 delle Norme organizzative interne della Figc) né appartenenti alla stessa provincia. Pur nel rispetto del Bari Calcio e nella vicinanza alla “piazza” di Bari per il fallimento della loro gloriosa squadra di calcio, riteniamo che Bisceglie non possa, in alcuna maniera, pagare per quanto accaduto a Bari. E su questo, come emerge dalle loro dichiarazioni alla stampa, sono d’accordo anche i tifosi del Bisceglie e dello stesso Bari. Il Bisceglie Calcio è una società sana che ha conquistato sul campo il diritto di giocare in serie C.

La Nostra città non merita di rischiare di perdere non solo il calcio professionistico, ma anche la Sua squadra di calcio, da 105 anni, ininterrottamente, riferimento dello sport locale. Riteniamo che questo abbia poco a che fare con i valori sani dello sport e pertanto, con la presente, intendo precisare fermamente che il Sottoscritto e l’Amministrazione Comunale, facendosi anche interprete dei sentimenti dei tifosi e degli sportivi biscegliesi, non condividono l’iter intrapreso dal Presidente Canonico. Chiediamo quindi che la procedura avviata, con la richiesta di cambio di denominazione, non venga assentita per mancanza dei presupposti etici e giuridici”.

Lascia il tuo commento
commenti