Bisceglie - giovedì 09 febbraio 2017 Cronaca

Ieri sera

Un biscegliese tenta di rubare un'auto ma viene arrestato dopo un inseguimento

Carabinieri e Metronotte sventano il furto di una Nissan Qashqai dopo un inseguimento: il veicolo era stato rubato pochi minuti prima a Corato a un imprenditore terlizzese

Un intervento dei Carabinieri © n.c.
di La Redazione

Recuperata da Carabinieri e Metronotte un'auto rubata a Corato a un imprenditore terlizzese.

L'operazione, che ha portato all'arresto di un uomo, è stata portata a termine ieri sera dai Carabinieri di Andria in collaborazione con le guardie giurate della Metronotte Ruvo.

I fatti. Poco dopo le 20 una pattuglia della vigilanza impegnata in un normale giro di perlustrazione a Corato ha notato una Ford Focus che trainava a velocità sostenuta una Nissan Qashqai. Provenienti dal centro abitato coratino, i veicoli si dirigevano verso via Andria, per poi svoltare sulla bretella che porta alla provinciale 238 per Trani.

Insospettiti, gli agenti della Metronotte si sono avvicinati alle due vetture, ma gli uomini alla guida hanno immediatamente accelerato l'andatura, percorrendo la 238 in direzione Trani per poi imboccare - contromano - la s.p.13 per Andria.

A questo punto sono intervenuti i Carabinieri di Andria, che stavano pattugliando la zona e si sono portati immediatamente all'inseguimento delle due auto, costringendole a fermarsi.

Braccati, i ladri "hanno più volte tentato di speronare le macchine di servizio della vigilanza - afferma una nota della Metronotte - nel tentativo di far desistere gli inseguitori". Le guardie giurate però sono riuscite a fermare la corsa del Qashqai e a bloccarne il conducente, un uomo di Bisceglie, consegnato poi ai Carabinieri, che lo hanno tratto in arresto. Gli individui a bordo della Focus, invece, sono riusciti a far perdere le loro tracce.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo