Bisceglie - martedì 10 gennaio 2017 Cronaca

Il caso

Camassambiente: «Abbiamo ripulito la strada di accesso alla Casa Divina Provvidenza»

La nuova precisazione dell'azienda dopo l'intervento della direzione della Cdp

Casa Divina Provvidenza © Bisceglielive.it
di La Redazione

Terza puntata di una storia che sta diventando paradossale. A colpi di comunicati stampa e di precisazioni a mezzo internet. 

La vicenda è quella relativa alle attività svolte durante l'emergenza neve di questi giorni. La Camassambiente ha plaudito pubblicamente all'impegno dei suoi dipendenti per ripulire le strade da neve e ghiaccio. Nel novero degli interventi svolti, però, ha citato la Casa Divina Provvidenza. 

Cosa che ha provocato la reazione della Direzione generale che ha precisato che l'emergenza neve è stata assolta in proprio dai dipendenti della Cdp. 

Oggi la contro replica della Camassambiente che precisa ulteriormente: «Occorre precisare che il riferimento alla Casa della Divina Provvidenza contenuto nella nota della Camassambiente del 08 Gennaio 2017 non riguardava la gestione dell'emergenza neve nell'area interna della struttura (si rammenta che il gestore dei servizi di igiene urbana è tenuto a intervenire solo su area pubblica), ma la viabilità di accesso intesa come via Bovio, sulla quale si trova lingresso al complesso ospedaliero, che è stata tenuta costantemente sotto controllo e transitabile anche mediante l'aspersione di acqua salata con  utilizzo di autobotte di proprietà della Camassambiente, condotta da personale della medesima società. In assenza di condizioni di praticabilità della predetta via cittadina la struttura sarebbe potuta, evidentemente, rimanere isolata».

Speriamo, naturalmente, che si tratti di un ultimo capitolo di questa vicenda. Anche perché nel frattempo è tornata a cadere la neve.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo