L'evento

Dalle Marche alla Puglia: all’Anfiteatro arriva la LineOut Dance Company

Sabato 18 agosto spettacolo di danza per raccogliere fondi per il Poliambulatorio Il buon Samaritano di Epass Onlus

Attualità
Bisceglie domenica 12 agosto 2018
di La Redazione
LineOut Dance Company
LineOut Dance Company © n.c.

Ancora uno spettacolo di qualità organizzato da Epass Onlus e InMotion Events per l’estate biscegliese: sabato 18 agosto alle 20:30 la LineOut Dance Company andrà in scena al Teatro Mediterraneo.

Il ricavato dello spettacolo di danza sarà devoluto al progetto del Poliambulatorio Il buon Samaritano, struttura che si occuperà di erogare prestazioni gratuite ai cosiddetti “nuovi poveri”, agli immigrati senza permesso di soggiorno, a persone senza fissa dimora e a chiunque viva in una condizione di esclusione o di marginalità sociale.

Sabato 18 agosto sarà la danza contemporanea della compagnia marchigiana LineOut Dance Company ad essere protagonista sul suggestivo palco dell’Anfiteatro biscegliese: i ballerini si esibiranno in due estratti delle produzioni “Se(i)ntieri dieci mondi” e “Being Over”, regia e coreografia di Mauro Bocchi e Alessio Marchini e musiche originali di Marco Schiavoni.

I coreografi si sono lasciati ispirare dall’antica filosofia buddista di Nichiren Daishonin e dalle parole del filosofo e maestro buddista giapponese Daisaku Ikeda: "La società e persino la terra cambiano a seconda dello stato vitale del popolo che vi abita. Il potere di trasformare l'ambiente risiede nel cuore dell'essere umano. Una grande rivoluzione umana nella vita di una persona puó cambiare il destino del genere umano e del pianeta”.

“Ci siamo quasi - le parole di Luigi De Pinto, presidente di Epass Onlus -. Il Poliambulatorio Il buon Samaritano è quasi pronto e potremo così donare alla città una struttura di sicura utilità e importanza. Un grande grazie a tutti coloro che stanno sostenendo il progetto partecipando ai nostri eventi e ai medici, infermieri, professionisti e volontari che hanno deciso di donare il proprio tempo per il Poliambulatorio e per la salute di tutti”.

Lascia il tuo commento
commenti