L'intervista

​Le Pleiadi - I Miserabili, Shameless Apulian Bar

La rubrica di BisceglieLive.it con le stelle che accendono le serate biscegliesi

Attualità
Bisceglie mercoledì 08 agosto 2018
di Redazione
I Miserabili
I Miserabili © n.c.

I miserabili, il titolo di un celebre romanzo storico di Victor Hugo, è diventato, di recente, anche il nome di un delizioso locale, in via della Repubblica, dotato di una suggestiva veranda sulla marina di Bisceglie.

Dietro questo nome c’è una concezione di vita basata sull’arte di sapersela cavare trasformando ogni situazione, anche quelle negative, in un vantaggio.

Concetti profondi che hanno ispirato cinque ragazzi tra i ventuno e i venticinque anni e li hanno portati a creare questa bella realtà. Roberto Chieppa, Giuseppe Lorusso, Felice Bassi, Biagio Stragapede e Luca Montanucci hanno deciso di costruire il loro futuro con le loro mani e per costruire intendo proprio materialmente, visto che tutto ciò che arreda il locale, bancone, tavoli e insegna compresi, è fatto dalle loro mani.

I miserabili è aperto tutti i giorni dalle diciotto e la domenica anche a pranzo.

Sono instancabili questi ragazzi che lavorano sodo, senza mai dimenticare la disponibilità verso i clienti come quella di Roberto, gestore del locale, pronto ad accoglierci sempre con il sorriso e la massima gentilezza.

Ma attenzione, giovani non significa in questo caso privi di esperienza.

La forza di questi ragazzi è la consapevolezza che per riuscire nella vita ci vogliono impegno e dedizione.

“Siamo cresciuti con la nostra cucina, un continuo sperimentare, sempre alla ricerca di qualcosa di particolare”. Ce lo dice Giuseppe, chef de I miserabili che si è accostato al mondo degli american bar per mantenersi agli studi per poi scoprire dentro di sé un’autentica passione per la cucina.

Ha cominciato quindi da autodidatta spinto dalla voglia di conoscere e sperimentare cercando nuove strade con lo scopo di valorizzare i prodotti della nostra terra e del nostro mare, rivisitandoli con il suo estro.

I miserabili è antipasteria e aperitiveria ma si propone anche come cocktail bar e bistrot basato sul concetto di food paring, un moderno approccio alla cucina che usa la polivalenza del prodotto per unire cibo e drink.

E così nella tartare al mojito, il pesce spada viene marinato in un’emulsione di olio limone rum e menta e servito con un delizioso piccolo mojitodi cui richiama appunto i profumi.

La tataki di tonno, invece, viene diluita con il mezcal che conferisce un che di affumicato.

I miserabili, un posto dove mangiare e bere bene ma anche uno stimolo per tutti i giovanie in generale pertutti coloro che vogliono mettersi in gioco con coraggio: “Tutto serve nella vita, nessun male viene per nuocere, tutto quello che è statoti ha portato avanti. Devi solo dare di più e osare”.

Parola de “ I Miserabili”.

Lascia il tuo commento
commenti