A Trani il 20 e 21 ottobre

Cardio-Bat, un convegno per parlare di cardiologia e prevenzione

L'incontro sarà anche l’occasione per presentare il nuovo progetto della ASL BAT, che ha comportato l’istituzione di una nuova Unità Operativa, quella di Emodinamica

Attualità
Bisceglie venerdì 13 ottobre 2017
di La Redazione
Cardiologia
Cardiologia © n.c.

Una rete provinciale all’avanguardia per il trattamento della cardiopatia ischemica acuta e cronica, ottenuta attraverso un servizio di emergenza/urgenza capillare e funzionale: questo ed altri significativi passi in avanti, nella lotta alla prima causa di morte nelle popolazioni industrializzate, saranno annunciati nel corso della VI edizione di “Cardio-BAT”, il simposio scientifico organizzato dal Dipartimento di Cardiologia della ASL BT, diretto dal Dottor Giovanni De Luca, e dall’Unità Operativa Dipartimentale di Cardiologia Interventistica, diretta dal Dottor Francesco Bartolomucci.

L’evento scientifico si svolgerà a Trani, a Palazzo San Giorgio, nei giorni 20 e 21 ottobre, e chiamerà a raccolta i maggiori esperti del settore, provenienti da ogni parte d’Italia, per fornire adeguati aggiornamenti sul trattamento acuto e cronico delle principali cardiopatie. In un ambito in continua e rapidissima evoluzione infatti è fondamentale standardizzare ed ottimizzare le condotte diagnostico/terapeutiche non solo dell’infarto miocardico acuto (prima causa di morte nei paesi industrializzati) ma anche per delle arteriopatie degli arti inferiori e carotidee oltre che dello scompenso cardiaco congestizio.

Questo incontro sarà anche l’occasione per presentare il nuovo progetto della ASL BAT, fortemente voluto del Direttore Generale Dott. Ottavio Narracci, che ha comportato l’istituzione di una nuova Unità Operativa, quella di Emodinamica appunto, che sarà diretto dal dottor. Francesco Bartolomucci. A dispetto delle voci di un presunto ridimensionamento del P.O. andriese, tale progetto conferma la forte volontà delle Direzione Generale non solo di puntare con decisione sul nosocomio andriese ma di porlo in maniera sempre più concreta al centro di una rete di emergenza all’avanguardia a livello nazionale. Alla nuova Unità Operativa, costituita da 5 medici più iI Dirigente responsabile, sarà affidato il delicato compito di provvedere al trattamento interventistico, spesso salvavita, delle cardiopatie dei cittadini del vasto e popoloso territorio della Provincia di Barletta Andria Trani.

«Con questa iniziativa – fa notare Bartolomucci – moltissime problematiche connesse al trattamento dalla cardiopatia ischemica saranno affrontate, discusse e risolte in tempo reale. Il nostro obiettivo, infatti, non sarà solo quello di provvedere al trattamento acuto della patologie cardiache, ma anche quello di fornire al paziente cardiopatico, grazie alla preziosa collaborazione tra medici ospedalieri e del territorio, la possibilità di eseguire i controlli ambulatoriali di cui necessita nei tempi debiti e sotto la guida attenta di personale altamente qualificato riducendo significativamente le liste d’attesa per l’esecuzione di esami diagnostici e visite cardiologiche».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette