A Bisceglie 250 adesioni per ciascuna proposta di legge

“L’Italia sono anch’io”, missione compiuta: raccolte quasi 110mila firme

Esulta anche il Comitato biscegliese. L'obiettivo è duplice: modificare le norme per ottenere la cittadinanza e voto anche agli stranieri

Cronaca
Bisceglie mercoledì 07 marzo 2012
di La Redazione
urna delle elezioni
urna delle elezioni © n.c.

Volge al termine la raccolta firme per la campagna “L’Italia sono anch’io”. Le cifre diffuse dal comitato nazionale parlano di 109.268 firme per la proposta di legge relativa alla riforma della normativa che attualmente regola l’ottenimento della cittadinanza e 106.329 firme per la proposta di legge relativa al diritto di voto nelle elezioni amministrative per gli stranieri residenti in Italia regolarmente da almeno 5 anni.

Il traguardo delle 50.000 firme, obiettivo minimo per poter presentare le proposte di legge di iniziativa popolare al vaglio del Parlamento, è stato dunque ampiamente superato e questo non può che gratificare tutti coloro che hanno creduto in questa iniziativa e l’hanno sostenuta. Lo rende noto un comunicato diffuso dal comitato biscegliese che ha raccolto le adesioni anche in città.

«Anche il comitato cittadino  biscegliese - si legge nella nota - può ritenersi soddisfatto. Sono state infatti raccolte 250 firme circa per ciascuna delle due proposte di legge, per un totale quindi di circa 500 firme. È stato così premiato lo sforzo degli enti, le associazioni ed i partiti che a Bisceglie hanno aderito al comitato cittadino: Etnie Onlus, Arci-Open Source, il Presidio Libera Sergio Cosmai, la Caritas diocesana Trani-Barletta-Bisceglie, la camera del lavoro CGIL Bisceglie, Sinistra Ecologia Libertà – Bisceglie ed il Partito dei Comunisti Italiani Bisceglie».

«Un doveroso ringraziamento - aggiunge la nota -  va ovviamente a tutti i cittadini biscegliesi che con la propria firma hanno fatto sì che la campagna potesse concludersi con un esito più che positivo. Dovuta gratitudine va a tutti coloro che qui a Bisceglie, in questo lasso di tempo purtroppo breve, hanno affollato i gazebo ed hanno seguito con attenzione le iniziative susseguitesi, dimostrando sensibilità ed attenzione verso una tematica che, a nostro modo di vedere, prima ancora che di immigrazione parla di civiltà. Un sentito grazie a tutti voi!».

Il comitato nazionale per la campagna “L’Italia sono anch’io” ha però fatto sapere che l’impegno non si esaurirà con la consegna delle firme alla Camera dei Deputati. «Una deprecabile prassi tutta italiana - si legge ancora nella nota - vuole infatti che le proposte di legge di iniziativa popolare giacciano nei cassetti del Parlamento, senza che queste vengano poi esaminate o prese in considerazione. Il comitato pertanto continuerà l’attività di promozione e di comunicazione per evitare di far cadere nel dimenticatoio la campagna. Il nuovo obiettivo adesso è fare in modo che il Parlamento calendarizzi la discussione sulle due proposte di legge per arrivare in tempi rapidi alla loro approvazione. Invitiamo dunque tutti i biscegliesi a continuare a seguire la nuova campagna di comunicazione che verrà lanciata a sostegno delle due riforme».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
Le più commentate
Le più lette